Roccadaspide


Città di Roccadaspide – (SA)

Informazioni

  • Codice Catastale: H394
  • Codice Istat:
  • CAP: 0
  • Numero abitanti: 7462
  • Nome abitanti: rocchesi
  • Altitudine: 624
  • Superficie: 624
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

Roccadaspide sorge su uno sperone roccioso e si trova nel Cilento, a 30 km da Salerno; prende il nome dal locale castello (con torri e ponte levatoio) eretto nel 1245, infatti “aspide” deriva verosimilmente dal greco aspis col significato di ‘scudo’, ‘difesa’. Nel tempo il nome ha assunto le forme: Rocca de Aspro, Rocca de Aspris (1597), Rocca dell’Aspide (XVI secolo) e, dal 1850, Roccadaspide.

Anche se la zona fu abitata in età preromana è probabile che l’abitato sia sorto verso il VII secolo per l’abbandono della vicina Paestum; durante il longobardo Principato di Salerno si ha notizia che nel X secolo il centro era denominato Casavetere di Capaccio e San Nicola de Aspro, il castro de Aspro viene citato per la prima volta in un diploma del 1092 che tratta della donazione della locale chiesa a quella di S. Nicola di Capaccio; presente nei Registri angioini al tempo di Carlo I d’Angiò contava circa 750 abitanti.

Prima feudatario vi fu un tal Guglielmo della famiglia Francesca; con la figlia Filippa, sposa di Gilberto di Fasanella, la proprietà passò ai baroni di Fasanella. Nel 1309 veniva infeduata quale baronia a Tomaso di Marzano, maresciallo del Regno per pervenire poi ad Andrea del Giudice, consigliere di re Ladislao e della regina Giovanna, e, alla di lui morte, al figlio Maso. Dopo il XIII secolo il feudo passò ai Sanseverino fino alla metà del XVI secolo. Nel 1549 apparteneva già alla famiglia Filomarino, alla quale rimase fino all’eversione della feudalità, e nel 1610 venne elevata a principato.

Lo stemma risulta riconosciuto una prima volta con decreto del Capo del Governo del 28 ottobre 1935, mentre la versione attuale è stata concessa con D.P.R. del 24 febbraio 1995: D’argento, al castello di rosso, mattonato di nero, chiuso dello stesso, munito di tre torri, ognuna con finestrella tonda di nero e merlata alla guelfa di tre, la torre centrale più alta e più larga e sormontata dall’aspide di verde, posta a guisa della lettera S maiuscola, con la testa rivoltata e linguata dello stesso. Ornamenti esteriori da Comune. L’emblema unisce quindi i due elementi che, apparentemente, formano il toponimo: la rocca (Il castello) e l’aspide, si tratta quindi di un tipico stemma “parlante” (probabilmente derivato da un antico sigillo).

Con lo stesso decreto del 1995 è stato concesso un gonfalone (un drappo partito di rosso e di verde) mentre con D.P.R. dell’11 ottobre 1999 è stata concessa una bandiera avente la stessa forma del gonfalone.

Bibliografia

Ebner P., Economia e società nel Cilento medievale, vol. 4, Edizioni di storia e letteratura, Roma 1979, pp. 390 e segg.

Ebner P., Chiesa, baroni e popolo nel Cilento, vol. 2, Edizioni di storia e letteratura, Roma 1982, pp. 402 e segg.

Informazioni storiche su http://www.prolocoroccadaspide.it/?page_id=469, consultato il 14/12/2016

Nota di Massimo Ghirardi e Giovanni Giovinazzo

Stemma Ridisegnato


Reperito da: Giovanni Giovinazzo

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini




Profilo araldico


“D’argento, al castello di rosso, mattonato di nero, chiuso dello stesso, munito di tre torri, ognuna con finestrella tonda di nero e merlata alla guelfa di tre, la torre centrale più alta e più larga e sormontata dall’aspide di verde, posta a guisa della lettera S maiuscola, con la testa rivoltata e linguata dello stesso. Ornamenti esteriori da Comune”.

Colori dello scudo:
argento

Gonfalone ridisegnato


Gonfalone Ufficiale


Profilo Araldico


“Drappo partito di rosso e di verde, riccamente ornato di ricami di argento. Le parti di metallo ed i cordoni saranno argentati. L’asta verticale sarà ricoperta di velluto dei colori del drappo, alternati, con bullette argentate poste a spirale. Nella freccia sarà rappresentato lo stemma del Comune e sul gambo inciso il nome. Cravatta con nastri tricolorati dai colori nazionali frangiati d’argento”.

Colori del gonfalone: rosso, verde
Profilo Araldico

“Drappo partito di rosso e di verde…”

bandiera ridisegnata
bandiera Ufficiale
no bandiera
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

    • Decreto del Capo del Governo (DCG) di riconoscimento – 28/10/1935
    • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) di concessione – 26/06/2008 Guarda il decreto
    • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) di concessione – 11/10/1999
    • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) di concessione – 24/02/1995