Salerno


Provincia

Salerno

Informazioni
  • numero comuni: 158
  • numero abitanti: 1109705
  • densità provincia: 225.67
Storia della Provincia e dello Stemma

La provincia di Salerno confina con le province campane di Napoli e di Avellino e con la provincia lucana di Potenza. Inoltre è bagnata dal Mar Tirreno.

Secondo lo Statuto Provinciale lo stemma “ha come suo distintivo una bussola di navigazione con quattro ali all’interno [sic], posta in mezzo a due campi, dei quali il superiore è d’argento, con sopra una stella d’oro tutta fulgente di raggi, e l’inferiore è nero. Il Gonfalone lo riproduce in campo azzurro sormontato dalla scritta semicircolare PROVINCIA DI SALERNO”.

La scelta della bussola come emblema è legata alla figura storica del navigatore Flavio Gioia di Amalfi. Sempre lo Statuto recita: “lo Stemma della Provincia di Salerno intende affermare che la bussola dell’amalfitano Flavio Gioia, insuperato strumento per l’orientamento di ognuno, è l’espressione dell’antico ingegno salernitano, che dal mare della gloriosa Repubblica Amalfitana si collegò a civiltà lontane ed esse portando la saggezza dell’antico diritto, fissato tra leggi e consuetudini di grande valore per la comprensione tra uomini e popoli diversi, per il superamento delle divisioni nazionali, razziali ed ideologiche, per la tutela delle minoranze etniche e linguistiche…”.

 

Note di Massimo Ghirardi

Si ringrazia Antonietta Starace per la collaborazione

Stemma Ridisegnato


Reperito da: Giovanni Giovinazzo

Fonte: Antonietta Starace

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini



Non ancora una blasonatura

Profilo Araldico

“Drappo di azzurro…”

Gonfalone ridisegnato

Disegnato da: Pasquale Fiumanò

Gonfalone Ufficiale
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database
Colori del gonfalone: azzurro
Profilo Araldico

“Di azzurro allo stemma provinciale centrato…”

bandiera ridisegnata

bandiera Ufficiale
no bandiera
Altre Immagini


Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

    • Regio Decreto (RD) di concessione – 28/03/1938