Lviv


Città di Lviv –Leopoli (BC)

Informazioni

Storia dello stemma e del comune

Il toponimo Lviv / Львів (Lwów in russo, Leopoli in italiano, Lemberg in tedesco) letteralmente significa “città del leone” in riferimento al nome di Leone (Lev) I, figlio del fondatore, il principe di Galizia e re di Rutenia Danylo Romanov Halytsky (1201-1264) che gliel’aveva dedicata; è uno dei maggiori centri culturali dell’Ucraina e il suo centro storico è inserito, dal 1998, nell’elenco dei siti UNESCO.

La città si trova sull’altopiano Rostoccja, vicino al confine polacco, il punto più elevato della città è “l’Alto Castello” (Vysokyi Zamok), a 409 m, in posizione dominante con vista su tutto il centro storico.

La vecchia città fortificata sorgeva ai piedi dell’altura dell’Alto Castello sulle rive del fiume Poltva.

 

Lo stemma della città è un classico esempio di stemma “parlante”, mostrando una città simboleggiata da una grande porta urbica turrita, nella quale sta un leone passante.

Lo stemma “piccolo” e lo stemma “grande” sono descritti come: “lo scudo azzurro raffigura una porta d’oro con tre torri, ciascuna delle quali è completata da tre merli e presenta una feritoia. La torre centrale è più alta delle altre due. Il varco è aperto, senza cancelli e sbarre. Un leone d’oro passante a destra in direzione araldica all’apertura del cancello.
Grande stemma: contiene l’immagine dello stemma, coronato da una corona cittadina d’argento, che simboleggia la città di Leopoli come centro regionale. Entrambi i lati dello scudo sono supportati da due porta-scudo: un leone coronato (simbolo dello stato galiziano-Volyn) e un antico guerriero russo, che dovrebbe riflettere l’era della fondazione di Leopoli da parte di Danylo Halytsky e la sua istituzione come capitale. Nella parte inferiore, lo stemma è completato da un nastro nei colori nazionali blu e giallo e dallo stemma del Tridente ucraino come simboli dell’unità con l’Ucraina”.

                 

L’immagine di un leone si trova sul sigillo dei principi galiziani Andrea II e Leone II Volyn, che si definivano i sovrani di tutta la Russia, nonché di Halych e Vladimir. Si presume che il leone fosse un simbolo della dinastia dei Romanov, dalla prima metà del XIV secolo divenne inequivocabilmente l’emblema territoriale dello stato della Galizia-Lodomiria la cui capitale era Leopoli.

 

Il più antico sigillo cittadino conosciuto è allegato all’atto di pergamena del magistrato di Leopoli del 1359. Raffigura un leone che cammina in una porta aperta della città con tre torri e feritoie. L’immagine combinava il simbolo del nome (identico al nome del figlio del fondatore, Leone I Danilovich) e l’antico stemma del principato. Nel 1526 , il re Sigismondo II di Polonia approvò formalmente lo stemma.

 

Dopo l’udienza dell’arcivescovo latino di Leopoli Jan Dmytro Solikovsky con papa Sisto V – Peretti, nel 1586, la città ricevette il diritto di utilizzare il leone ispirato allo stemma papale: un leone d’oro in campo azzurro in piedi sulle zampe posteriori rampante su un colle.

Sebbene i sigilli della città continuassero a utilizzare il simbolo della città antica, alcuni di essi presentavano entrambi.

 

Il 6 novembre 1789, l’imperatore Giuseppe II approvò lo stemma di Leopoli, in cui il leone venne rappresentato sulla porta della città con tre torri.

Lo stemma con un leone simile fu approvato il 26 giugno 1936 per ordine del ministro dell’Interno della Polonia. Ad esso è stato aggiunto un nastro rosso e blu con il motto “Semper fidelis” (sempre fedele). Questo stemma è stato in uso fino al settembre 1939.

 

Nel periodo sovietico fu approvato il 15 luglio 1967 un disegno approntato da un gruppo di grafici (I. Katrushenko, Z. Ketsalo, L. Levitsky, E. Mysko, J. Novakivsky) con uno scudo azzurro, una porta cittadina rossa aperta con tre torri, nel cui arco si erge un leone d’oro, girato a destra. Sulla torre centrale una falce e un martello d’oro. 

 

Il 5 luglio 1990, la sessione del Consiglio Comunale di Lviv ha approvato l’attuale stemma: in un campo blu c’è un cancello in pietra dorata con tre torri, quella mediana è più alta di quelle laterali. Sono stati approvati anche il grande stemma e lo stendardo (bandiera) di Leopoli. I simboli sono stati disegnati sulla base del vecchio stemma di A. Grechylo, V. Turetsky, I. Turetsky e I. Svarnyk.

 

La bandiera civica e quella della provincia (Oblast) sono simili, entrambe sono costituite da un drappo azzurro, la bandiera della città mostra la porta civica con il leone passante e una bordura dentata d’oro su tre lati (escluso quello dell’asta); quella provinciale mostra il solo leone d’oro coronato e rampante e riprende quello della antica contea.

 

Leopoli fu fondata alla metà del XIII da Danylo Romanov Halytsky (1201-1264) principe di Galizia e re di Rutenia, in onore del figlio Lev (Leone) che, una volta salito al trono la scelse come capitale al posto di Halyč/Halicz; divenne rapidamente un importante centro commerciale e venne conquistato dal Regno di Polonia nel 1340, rimase sotto l’autorità della confederazione polacco-lituana quasi senza interruzioni fino al 1772.

 

Leopoli godeva del titolo di “città regia” del Regno di Polonia (in polacco: miasto królewskie) e era una delle 10 più grandi e prestigiose città del regno con diritto di partecipare all’elezione del re della confederazione. Nel XVII secolo, Leopoli era la seconda città più grande e più ricca della Polonia dopo Danzica.

 

Nel 1772, in seguito alla prima spartizione della Polonia, passò nelle mani degli Asburgo e divenne capitale del Regno di Galizia e Lodomiria (Królestwo Galicji i Lodomerii/Königreich Galizien und Lodomerien), col nome di Lemberg (lett. “monte di Lev”) fino al 1918.

 

Nel XIX secolo l’amministrazione austriaca tentò di germanizzare il sistema scolastico e di governo della città sicché molte organizzazioni culturali che non avevano un atteggiamento pro-germanico furono chiuse (da notare che l’80% della popolazione parlava polacco e solo l’11% l’ucraino).

 

Alla fine del Primo Conflitto Mondiale nel 1919, con la caduta dell’Impero austro-ungarico, fu riunita alla Polonia, ricostituitasi come stato indipendente, e rimase polacca per vent’anni.

 

Dopo il crollo della monarchia asburgica alla fine della prima guerra mondiale, Leopoli divenne un’arena di battaglia tra la popolazione polacca locale e i fucilieri ucraini Sich. Entrambe le nazioni percepivano la città come parte integrante della loro nazione.

 

Nella notte tra il 31 ottobre e il 1º novembre 1918 fu proclamata la Repubblica popolare ucraina occidentale con Leopoli come capitale. 2.300 soldati ucraini dei fucilieri ucraini Sich, che in precedenza erano stati un corpo militare dell’esercito austriaco, presero il controllo della città. La maggioranza polacca della città si oppose alla dichiarazione ucraina e iniziò a combattere contro le truppe ucraine. Durante questo combattimento un ruolo importante fu assunto dai giovani difensori polacchi chiamati Aquilotti di Leopoli.

 

Le forze ucraine si ritirarono fuori dai confini di Leopoli entro il 21 novembre 1918, dopo di che elementi di soldati polacchi iniziarono a saccheggiare e bruciare gran parte dei quartieri ebraici e ucraini della città, uccidendo circa 340 civili. Le forze ucraine in ritirata assediarono la città. I fucilieri Sich si erano trasformati nell’esercito ucraino della Galizia (UHA). Le forze polacche aiutarono dalla Polonia centrale, incluso l’Armata blu del generale Haller, equipaggiata dai francesi, sollevarono la città assediata nel maggio 1919 costringendo l’UHA ad est.

 

Nonostante la mediazione dell’Intesa tentasse di fermare le ostilità e di raggiungere un compromesso tra belligeranti, la guerra polacco-ucraina continuò fino al luglio 1919 quando le ultime forze UHA si ritirarono a est del fiume Zbruč. La frontiera sul fiume Zbruč fu confermata dal Trattato di Varsavia, quando nell’aprile 1920 il feldmaresciallo Piłsudski firmò un accordo con Symon Petljura in cui fu convenuto che per il sostegno militare contro i bolscevichi la Repubblica popolare ucraina rinunciasse alle sue rivendicazioni nei territori della Galizia orientale.

 

Nell’agosto 1920 Leopoli fu attaccata dall’Armata Rossa sotto il comando di Aleksandr Egorov e Stalin durante la guerra polacco-sovietica, ma la città respinse l’attacco. Per il coraggio dei suoi abitanti Leopoli ricevette la croce “per le Virtuti Militari” da Józef Piłsudski il 22 novembre 1920.

 

Il 23 febbraio 1921, il consiglio della Società delle Nazioni dichiarò che la Galizia (compresa la città di Leopoli) si trovava al di fuori del territorio della Polonia e che la Polonia non aveva il mandato di stabilire un controllo amministrativo in quel paese e che la Polonia era semplicemente l’esercito occupante della Galizia, la cui sovranità rimaneva alle Potenze alleate e il destino sarebbe stato determinato dal Consiglio degli ambasciatori presso la Società delle Nazioni. Il 14 marzo 1923, il Consiglio degli ambasciatori decise che la Galizia sarebbe stata incorporata nella Polonia «mentre è riconosciuto dalla Polonia che le condizioni etnografiche richiedono un regime autonomo nella parte orientale della Galizia» e che «Questa condizione non è mai stata onorata dal governo interbellico». Dopo il 1923, la Galizia fu riconosciuta a livello internazionale come parte dello stato polacco.

 

Durante il periodo tra le due guerre, Leopoli occupò il rango di terza città più popolosa della Seconda Repubblica Polacca, e divenne la sede del Voivodato di Leopoli. Dopo Varsavia, Leopoli fu il secondo centro culturale e accademico più importante della Polonia tra le due guerre. Ad esempio, nel 1920 il professor Rudolf Weigl dell’Università di Leopoli sviluppò un vaccino contro la febbre tifoidea.

 

Mentre circa i due terzi degli abitanti della città erano polacchi, alcuni dei quali parlavano il dialetto caratteristico di Leopoli, la parte orientale del Voivodato di Leopoli aveva una maggioranza relativa ucraina nella maggior parte delle aree rurali. Sebbene le autorità polacche si fossero impegnate a livello internazionale a dare autonomia alla Galizia orientale (compresa la creazione di un’università ucraina separata a Leopoli) e anche se nel settembre 1922 fu emanata una legge in tal senso del parlamento polacco Sejm, non fu applicata. Il governo polacco chiuse molte scuole ucraine che avevano funzionato durante il dominio austriaco e i dipartimenti ucraini all’Università di Leopoli, ad eccezione di uno. Leopoli prima della guerra aveva anche una grande e fiorente comunità ebraica, che costituiva circa un quarto della popolazione.

 

A differenza dei tempi austriaci, quando le dimensioni e il numero di parate pubbliche o altre espressioni culturali corrispondevano alla popolazione relativa di ciascun gruppo culturale, il governo polacco sottolineò la natura polacca della città e limitò le manifestazioni pubbliche della cultura ebraica e ucraina. Divennero frequenti parate militari e commemorazioni di battaglie all’interno della città che celebravano le forze polacche che combatterono contro gli ucraini nel 1918, e negli anni ’30 fu costruito un monumento commemorativo e un cimitero di soldati polacchi di quel conflitto, il cimitero di Lyčakiv.

 

Le truppe sovietiche, secondo i piani del patto Molotov-Ribbentrop, si appropriarono della città nel 1939, subito dopo l’inizio della seconda guerra mondiale, e più tardi fu occupata anche dalla Wehrmacht, dal 1941 al 1944, avendo la Germania rotto il patto e invaso l’Unione Sovietica. Durante gli anni della Shoa, l’intera popolazione ebraica della città (100.000 residenti oltre ad altrettanti rifugiati dalla Polonia) fu decimata da pogrom e pressoché totalmente sterminata.

 

Nel 1945 venne inglobata nell’URSS ed entrò a far parte della Repubblica Socialista Sovietica Ucraina. La popolazione polacca fu espulsa e si stabilì in maggior parte nella città di Breslavia (che fino al 1945 era tedesca), nell’ambito dei trasferimenti di popolazione polacca nel 1944-46, mentre Leopoli fu ripopolata con cittadini ucraini e russi.

Infine, nel 1991, con la dissoluzione dell’Unione Sovietica, Leopoli divenne parte dell’Ucraina indipendente.

 

 

 

Nota di Massimo Ghirardi

Stemma Ridisegnato


Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini



Profilo Araldico


Non ancora una blasonatura

bandiera ridisegnata

Disegnato da: Massimo Ghirardi

bandiera Ufficiale
no bandiera
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database
sigillo ridisegnato

Reperito da: Massimo Ghirardi

sigillo Ufficiale
no sigillo
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,