Dervio


Comune di Dervio – (LC)

Informazioni

  • Codice Catastale: D280
  • Codice Istat:
  • CAP: 0
  • Numero abitanti: 2774
  • Altitudine: 0
  • Superficie: 0
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

Dervio è un comune che si trova all’imbocco della Val Varrone, presso il Lago di Como, il cui toponimo potrebbe derivare dal celtico “derua” (quercia)1, ma che la tradizione erudita vuol far risalire fino all’epoca di Cesare, che avrebbe deportato in questa zona popolazioni di origine greca, che avrebbero dato vita a Delphum (“di Delfi”). Il toponimo è documentato come Derve nell’814 e Derui nel 905.

Lo stemma è stato concesso con Decreto del Presidente della Repubblica del 20 ottobre 1998, dove si blasona: “Di rosso, al castello di argento, murato di nero, merlato alla guelfa, formato dalle due torri riunite dalla cortina di muro, le torri merlate di tre, finestrate di uno di nero, chiuse con piccola porta, dello stesso, la cortina merlata di quattro merli e di due semimerli, questi uniti alle torri, chiuso con grande porta di nero”.

Il castello è quello antico detto “Castello di Orezia” già esistente nell’XI secolo, che dominava il villaggio e del quale rimane oggi solo la grande torre, che fu tra gli altri dei Cattaneo (i quali hanno come emblema n castello d’argento in campo rosso).

(1): Altri propone anche la derivazione da “derva” (argilla).

Nota di Massimo Ghirardi

Bibliografia:

AA.VV. DIZIONARIO DI TOPONOMASTICA. Storia e significato dei nomi geografici italiani. UTET, Torino 1997.

Foppoli M.-Mezzera V. STEMMARIO LECCHESE. Gli stemmi dei Comuni della Provincia di Lecco. Cattaneo, Oggiono 2005.

Stemma Ridisegnato


Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini


Non ci sono altre immagini

Profilo araldico


“Di rosso, al castello di argento, murato di nero, merlato alla guelfa, formato dalle due torri riunite dalla cortina di muro, le torri merlate di tre, finestrate di uno di nero, chiuse con piccola porta, dello stesso, la cortina merlata di quattro merli e di due semimerli, questi uniti alle
torri, chiusa con grande porta di nero. Ornamenti esteriori da Comune”.
D.P.R. 30 novembre 1998

Colori dello scudo:
rosso

Gonfalone ridisegnato


Gonfalone Ufficiale


Profilo Araldico


“Drappo di bianco

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,