Carimate


Comune di Carimate – (CO)

Informazioni

  • Codice Catastale: B778
  • Codice Istat:
  • CAP: 22060
  • Numero abitanti: 4320
  • Nome abitanti: carimatesi
  • Altitudine: 265
  • Superficie: 265
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 16.8

Storia dello stemma e del comune

Carimate è un Comune della Brianza, nella valle del fiume Seveso, alla confluenza in questo del Serenza, posto sulle colline moreniche che anticipano le Prealpi lombarde.

Il centro è certamente di antica origine, forse ligure, etrusca o gallica, che nel III secolo a.C. venne conquistata con tutta la regione dai Romani che fondarono Comum. Nell’859 d.C. e documentato come Kalimalo (dal latino calamus, canna, attraverso calametium, canneto) in un atto della Chiesa milanese dove è citato tale Attone da Carimate, la cui famiglia tra il 983 e il 1002 viene investita del titolo di “capitani” di Carimate.

Nel 1149 Ardicio de’Capitani di Carimate fece fortificare una costruzione che diverrà il castello di Carimate ricostruito nel 1345 grazie a Luchino Visconti di Milano, che lo ridenominò Cittadella. Il castello fa parte di una rete difensiva a nord di Milano intorno al quale si sviluppa un piccolo borgo di agricoltori e personale del castello.

Il castello e il borgo annesso rimangono legati a un ramo secondario dei Visconti di Milano, sino a quando nel 1795 la famiglia si estingue con Ludovico Visconti Ajroldi, e i beni ritornano in parte alla Curia Milanese per via delle devoluzioni delle investiture feudali.

Venne acquistato nel 1800 dai fratelli Cristoforo e Carlo Arnaboldi che, nel 1874 restaurano il castello nelle forme neogotiche dell’epoca, su progetto dell’arch. Ercole Balossi Merlo. Successivamente fu trasformato in sede di produzione musicale (della Stone Castle Studios) e in albergo.

L’attuale stemma del Comune, concesso con DPR del 26 aprile 1991, ricorda nella figurazione l’antico borgo col il suo castello a dominio della valle del Seveso e la signoria dei Visconti. Si blasona: “Partito, nel primo, di azzurro, al castello di rosso, mattonato di nero, formato da due torri, merlate alla guelfa, la torre posta a sinistra più alta e più larga, merlata di quattro, chiusa di nero, finestrata dello stesso, la torre posta a destra merlata di tre, chiusa di nero, finestrata dello stesso; esse torri riunite dalla cortina di muro, priva di merli e finestrata di nero. Esso castello sormontato dalla stella di otto raggi d’oro, e sostenuta dal monte di verde, fondato in punta e caricato dalla fascia diminuita di azzurro. Nel secondo, di argento, al biscione visconteo, di azzurro, ondeggiante in palo e ingollante il fanciullo di carnagione chiara, capelluto di nero, posto in fascia e in maestà, con le braccia aperte. Ornamenti esteriori del Comune”.

Curiosa è la motivazione data dal Comune nella relazione per la concessione dello stemma, solitamente indica il valore militare o gli ideali da perseguire, in questo caso vuole ricordare “tutti i personaggi famosi che hanno caratterizzato la sua storia”.

Mentre il gonfalone è descritto: “Drappo partito di bianco e di azzurro riccamente ornato di ricami d’argento e caricato dello stemma sopra descritto con l’iscrizione centrata in argento, recante la denominazione del Comune. Le parti di metallo ed i cordoni sono argentati. L’asta verticale è ricoperta di velluto dei colori del drappo, alternati, con bullette argentate poste a spirale. Nella freccia sarà rappresentato lo stemma del Comune e sul gambo inciso il nome. Cravatta con nastri tricolorati dai colori nazionali, frangiati d’argento”.

Prima di questo il Comune aveva uno stemma più “naturalistico”: il castello si stagliava in un paesaggio montuoso, percorso dal fiume, con il biscione Visconti nel cielo.

Nota di Massimo Ghirardi

Bibliografia:

Genovese C. STEMMI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO. La relazione storiografica e le rispettive regole araldiche. Como 2007. p. 88-89.

Stemma Ridisegnato


Fonte: Carletto Genovese

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini



Profilo araldico


“Partito, nel primo, di azzurro, al castello di rosso, mattonato di nero, formato da due torri, merlate alla guelfa, la torre posta a destra più alta e più larga, merlata di quattro, chiusa di nero, finestrata dello stesso, la torre posta a sinistra merlata di tre, chiusa di nero, finestrata dello stesso, esse torri riunite dalla cortina di muro, priva di merli e finestrata di nero, esso castello sormontato dalla stella di otto raggi d’oro, e sostenuta dal monte di verde, fondato in punta e caricato dalla fascia diminuita di azzurro; nel secondo, di argento, al biscione visconteo, di azzurro, ondeggiante in palo e ingollante il fanciullo di carnagione, capelluto di nero, posto in fascia e in maestà, con le braccia aperte. Ornamenti esteriori del Comune.”

Colori dello scudo:
argento, azzurro
Partizioni:
partito

Gonfalone ridisegnato


Disegnato da: Bruno Fracasso

Gonfalone Ufficiale


Altre immagini



Profilo Araldico


“Drappo partito di bianco e di azzurro riccamente ornato di ricami d’argento e caricato dello stemma sopra descritto con l’iscrizione centrata in argento, recante la denominazione del Comune”.

Colori del gonfalone: azzurro, bianco
Partizioni del gonfalone: partito

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,