Sasso Stefani


Zona Municipale

Sasso Stefani

Valbrenta
Informazioni

Già una delle dieci contrade che componevano il Comune di Valstagna (oggi confluito in Valbrenta): Oliero di Sotto e Oliero di Sopra, Londa, Torre, Mori, Fontoli, San Gaetano, Sasso Stefani, Giara Modon, Costa e Collicello (rievocate ogni anno nel Palio delle zattere).

Sasso Stefani ha da tempo adottato uno stemma che si presenta: “troncato d’oro e di rosso” sul quale, in tempi recenti, è stata aggiunta la figura di una casa di sasso; che rappresenta il “cason de Barbarossa” che si trova poco a monte di Giara Modon: secondo la tradizione costruita da un personaggio con quel soprannome, per via della barba e capelli rossi che con il suo tenace lavoro di punta e mazzetta, costruì il “casòn”, come venivano denominati gli antichi essiccatoi per le foglie di tabacco, purtroppo oggi ridotto a rudere.

Nota di Massimo Ghirardi

Stemma Ridisegnato


Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini


Non ci sono altre immagini

Profilo araldico


“Troncato di oro e di rosso”.

Colori dello scudo:
oro, rosso
Partizioni:
troncato

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,