Antella


Zona Municipale

Antella

Bagno a Ripoli
Informazioni

Lo Statuto del Capitano del Popolo di Firenze del 1322-1325 fa menzione di Antella come capoluogo di una delle Leghe del contado fiorentino.

Un più dettagliato elenco, in data 1332, precisa che il territorio, molto più vasto dell’attuale Comune di Bagno a Ripoli, aggregava 50 popoli compresi nei pivieri di Ripoli, Villamagna, Remole, Impruneta, oltre a quello locale, estendendosi anche in riva destra d’Arno.

Nei primi anni del XV secolo, la sede del giusdicente fiorentino venne trasferita a Bagno a Ripoli, meglio servito dalla viabilità. Tuttavia Antella, centro a prevalente economia agricola con conduzione mezzadrile, ha conservato nel corso del tempo un ruolo centrale nella vita economica (con una ben nota antica fiera) e sociale della Comunità.

Fin dal XIX secolo, con il sorgere delle prime aggregazioni sociali (Misericordia, Cooperativa di Consumo, Società di Mutuo Soccorso), queste presero a fregiarsi dell’arme piena della famiglia dei Dell’Antella, di origine locale, che aveva fatto fortuna in città, con personaggi di spicco fino all’estinzione nel 1698. Di quest’arme semplice ma efficace – d’argento allo scaglione di rosso – esistevano numerosi esemplari in loco, tanto che si cominciò a farne uso come se si trattasse di un vero e proprio stemma civico. E così ancor oggi fa bella mostra di sé sui gonfaloni delle associazioni del volontariato, del tempo libero e sulle divise delle associazioni sportive che hanno sede in questa vitale frazione.

 

 

Nota a cura di Michele Turchi

 

Bibliografia: Massimo Casprini, I Dell’Antella. Cinquecento anni di storia di una grande famiglia fiorentina (secc. XII-XVII), Firenze 2000.

Stemma Ridisegnato


Disegnato da: Michele Turchi

Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini


Nessun'altra immagine presente nel database

Profilo araldico


“D’argento allo scaglione di rosso”.

Pezze onorevoli dello scudo:
scaglione

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,