Regione Molise

Informazioni
  • Numero Province: 2
  • Numero Abitanti: 319780
  • Superficie: 4437.68
  • Densità: 72.06
Storia della Regione e dello Stemma
Profilo Araldico
Lo stemma della Regione Molise è stato approvato con legge regionale n. 198 del 21 gennaio 1978, esso viene così descritto (con linguaggio ben poco araldico): «Scudo bordato d’argento con banda diagonale di colore argento recante nella zona in alto a sinistra una stella d’argento a otto punte, collocato in campo rosso, con la scritta in argento a largo semicerchio, nella parte inferiore, Regione Molise».

Questo emblema trae origine dalla proposta vincitrice del concorso indetto dalla Giunta Regionale nell’ottobre 1976 e che s’ispirava a sua volta al simbolo araldico del Comune di Molise che ha dato il suo nome ad una contea medievale da cui, all’incirca, discende l’odierna Regione; rispetto al simbolo finale la proposta iniziale presentava tre stelle di rosso disposte nella banda e la stella in alto non era a otto punte. Le tre stelle vennero eliminate in quanto «simbolo di un preciso e storicamente circoscritto periodo feudale» e la stella assunse la stessa forma ad otto punte di quella presente nello stemma della Provincia di Molise (odierna Provincia di Campobasso).

Gonfalone e bandiera

La Regione utilizza nelle manifestazioni pubbliche un gonfalone consistente in un drappo di azzurro terminante con una curva convessa e al cui centro vi è lo stemma regionale e, al di sotto di esso, la scritta “REGIONE MOLISE” anch’essa con andamento convesso.

La bandiera, di forma rettangolare, riprende sia il proprio colore che il disegno di scritta e stemma dal gonfalone anche se inizialmente a talvolta presentato uno scudo di azzurro anziche di rosso.
Stemma ridisegnato

Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini



Profilo Araldico
“Drappo di bianco…”
Gonfalone ridisegnato
Gonfalone Ufficiale
no gonfalone
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su