Provincia Trento

Informazioni
  • numero comuni: 217
  • numero abitanti: 529457
  • densità provincia: 85.30
Storia della Provincia e dello Stemma
La provincia autonoma di Trento confina con la provincia trentino-alto atesina di Bolzano; con le province venete di Belluno, di Vicenza e di Verona e con la province lombarde di Brescia e di Sondrio.

Lo stemma usato attualmente fu istituito dal principe-vescovo di Trento Nicolò da Bruna (l’attuale Brno, in Moravia) che scelse l’aquila di San Venceslao detta “aquila fiammeggiante” dopo la sua elezione alla cattedra tridentina del 1337. L’intenzione del prelato era quella di assicurarsi la protezione del santo re di Boemia venerato come martire per l’unità della fede (morto nel 935): il vescovo stava infatti cercando di ripristinare l’autorità vescovile, soprattutto contro le mire espansionistiche dei conti di Tirolo.

La concessione dello stemma per il principato vescovile di Trento venne da parte di re Giovanni di Boemia, del quale Nicolò era stato consigliere e funzionario, con diploma ufficiale rilasciato da Wroclav la vigilia di San Lorenzo (quindi il 9 agosto 1339; l’originale in cartapecora miniata è conservato presso l’Archivio di Stato di Trento).

Si blasona: “d’argento all’aquila di nero armate d’oro, con alamari dello stesso, contornata da lingue di fuoco di rosso” (secondo la descrizione le lingue sarebbero esattamente 420!)”. Gli “alamari” sono ornamenti tipici dell’araldica Germanica: le ali dell’aquila sono usualmente caricate con delle “kleestengel” (“steli di trifoglio”) di metallo nobile, nascenti dal petto, che alcuni araldisti italiani descrivono come “legate” del colore (degli alamari).

Profilo Araldico
“Su scudo appuntato: d’argento, all’aquila di Trento, con la bordatura, diminuita in filetto, di porpora. Sopra lo scudo, la corona speciale della Provincia Autonoma di Trento, che è formata dal cerchio d’oro, brunito, gemmato, cimato da quattro fioroni (tre visibili), sostenuti da punte, e alternati da dodici sferette, di cui otto poste sul margine del cerchio (quattro visibili, due e due), e quattro sostenute da punte (due visibili una e una), alternanti le sferette poste sul margine”.
Stemma ridisegnato

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale
Altre Immagini






Colori dello scudo: argento
Profilo Araldico
“Drappo interzato in fascia, nel primo e nel terzo di porpora, nel secondo di bianco, frangiato d’oro e caricato dello stemma sopra descritto con la iscrizione centrata in oro recante la denominazione della Provincia. Le parti di metallo ed i cordoni saranno dorati. L’asta verticale sarà ricoperta di velluto dei colori del drappo, alternati, con bullette dorate poste a spirale. Nella freccia sarà rappresentato lo stemma della Provincia e sul gambo inciso il nome. Cravatta con nastri tricolorati dai colori nazionali frangiati d’oro”. Gonfalone ridisegnato da Pasquale Fiumanò
Gonfalone ridisegnato

Disegnato da: Pasquale Fiumanò

Reperito da: Luigi Ferrara

Gonfalone Ufficiale
Altre Immagini


Colori del gonfalone: bianco, porpora
Partizioni del gonfalone: interzato in fascia
Profilo Araldico
“Drappo interzato in fascia di porpora, di bianco, di porpora…”
bandiera ridisegnata
bandiera Ufficiale
no bandiera
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su