Provincia Mantova

Informazioni
  • numero comuni: 70
  • numero abitanti: 415442
  • densità provincia: 177.63
Storia della Provincia e dello Stemma
Gli attuali confini della circoscrizione amministrativa della Provincia ricalcano pressoché quelli dell’antico Ducato di Mantova, sebbene più ristretti.

Nel 1859 il Trattato di Villafranca segna la vittoria della Francia, alleata al Regno di Sardegna, contro l’Austria che è costretta a cedere i territori della Lombardia fino alla riva destra del Mincio a Napoleone III, imperatore dei Francesi e comandante degli Alleati, il quale li cede a sua volta al Re di Sardegna Vittorio Emanuele II (secondo l’Accordo di Plombières del 24 luglio 1858). Sono esclusi i Comuni della parte sud-est della Provincia di Mantova. Viadana fu assegnata alla Provincia di Cremona.

Nel frattempo il Re, su proposta di Urbano Rattazzi ministro degli Affari Interni, emana il Regio Decreto del 23 ottobre 1859 n. 3702 titolato: “Nuovo Ordinamento comunale e Provinciale del Regno”, i comuni mantovani ricadenti a Ovest del confine stabilito con l’armistizio di Villafranca sono inseriti nelle province di Brescia e Cremona. Castiglione delle Stiviere diventa capoluogo di Circondario della Provincia di Brescia.

Presso la fortezza di Peschiera il 16 giugno 1860 si formalizza la delimitazione dei confini tra le provincie italiane dell’Austria e quelle del Regno di Sardegna: il confine divide il territorio mantovano in due parti e determina lo smembramento della Provincia di Mantova e la modifica delle competenze amministrative sul territorio.

Con Legge n. 106 del 26 luglio 1861 la frazione di Borghetto del Comune di Valeggio, situata sulla destra del fiume Mincio, viene aggregata al Comune di Volta. Il Comune di Scorzarolo è soppresso e il suo territorio, nel Regno d’Italia, va ad incrementare in larga parte il Comune di Marcaria, tranne la frazione di Ronchi con la località di Balconcelli viene unita al Comune di Castellucchio.

Nel 1866 il Trattato di Pace tra Italia e Austria consente la riunione dell’ex Regno Lombardo-Veneto al Regno d’Italia, proclamato nel 1861, nei limiti dei confini del momento con la clausola formale imposta dai Francesi “sotto riserva del consenso delle popolazioni debitamente consultate”. Quindi col plebiscito del 21/22 ottobre 1866 la provincia di Mantova (e le Venezie) entra a far parte del Regno d’Italia. Il Regio Decreto del 4 novembre 1866 n. 3300 e la successiva Legge del 18 luglio 1867 n. 3841 ratificano questo passaggio.

Con legge del 9 febbraio 1868 n. 4232, entrata in vigore il 1 luglio dello stesso anno, a seguito dell’attuazione del Regio Decreto del 9 febbraio n. 4236 e con il Regio Decreto dell’8 marzo 1868 n. 4289 la Provincia di Mantova viene riorganizzata in 11 Distretti in un unico Circondario (coincidente con i confini provinciali).

Disposizione che però provoca la cessione del Comune di Peschiera, annesso alla Provincia di Verona, i Comuni di Acquafredda e Volongo, annessi alla Provincia di Brescia, , ed i Comuni di Ostiano e Isola Dovarese, annessi alla Provincia di Cremona. Viadana viene distaccata dalla Provincia di Cremona per esser riunita a quella di Mantova.

L’attuale stemma della Provincia di Mantova è formato riunendo gli emblemi di Mantova-città, Bozzolo (che dal 1786 al 1788, per Decreto Imperiale di Giuseppe II era capoluogo di Provincia) e Castiglione delle Stiviere, riassume in sé l’unione di questi tre Circondari e fu adottato al posto del precedente (con la croce patente rossa in campo argento accantonata da quattro aquilotti neri) su insistenza dei Savoia, per i quali l’aquila gonzaghesca, era troppo simile a quella austriaca.


Nota di Massimo Ghirardi

Si ringraziano Anna Longhi e Alessandro Neri per la gentile collaborazione prestata

La provincia di Mantova confina con le province lombarde di Cremona e di Brescia; con le province venete di Verona e di Rovigo e con le province emiliano-romagnole di Ferrara, di Modena, di Reggio nell’Emilia e di Parma.

Profilo Araldico
“Troncato e semipartito: al 1° di Mantova che è d’argento, bordato di rosso, con una croce piana, di rosso, caricata ed accantonata alla destra del capo di Virgilio, di fronte, attorcigliato da un serto di alloro, il tutto al naturale; al 2° di Bozzolo, che è d’azzurro alla quercia al naturale, nodrita sulla campagna di verde; al 3° di Castiglione delle Siviere, che è di rosso, al cane, rampante, d’argento, collarinato dello stesso tra due staffe d’argento, la superiore nel cantone sinistro dello scudo, l’inferiore a destra dello stemma”.
Stemma ridisegnato

Fonte: Massimo Ciccarelli

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Colori dello scudo: argento, azzurro, rosso
Partizioni: troncato semipartito
Profilo Araldico
“Drappo di bianco con la bordatura scaccata di rosso e di blu…”

Gonfalone ridisegnato da Pasquale Fiumanò
Gonfalone ridisegnato

Disegnato da: Pasquale Fiumanò

Gonfalone Ufficiale
no gonfalone
Altre Immagini


Colori del gonfalone: bianco
Partizioni del gonfalone: bordato
Profilo Araldico
“Drappo di bianco alla bordura alternata di rosso e di azzurro, caricato dello stemma provinciale centrato…”
bandiera ridisegnata

Disegnato da: Bruno Fracasso

bandiera Ufficiale
no bandiera
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

  • Regio Decreto (RD) – 03/01/1915

  • Regio Decreto (RD) di concessione – 04/03/1926

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su