Dipartimento Vandea

Informazioni
  • densità:
Storia del Dipartimento e dello Stemma
La Vandea (Vendée) è un dipartimento situato nella regione dei Pays-de-la-Loire. È attraversato dal fiume eponimo, affluente della Sèvre niortaise. IL suo capoluogo è La Roche-su-Yon.

Il nome nasce appunto dal fiume, la cui forma originale era Vindeda, la bianca, derivata dal termine gallico (celtico) uindos che significa bianco, oppure felice.

Probabilmente il suo territorio era occupato dagli Ambilatres o Ambiliates che combatterono Giulio Cesare.

Il territorio è la parte ovest del Poitou (Basso Poitou). Si trovò al centro delle guerre di religione a causa della forte presenza protestante, a questi fu imposto o di lasciare il territorio oppure di convertirsi.

Facendo seguito alla legge del 22 dicembre 1789, il dipartimento venne creato nel 1790: si penso, all’inizio, di chiamarlo «Les Deux Lays », mettendo assieme il nome di due fiume della regione. La scelta, alla fine, cadde su Vendea (Vendée) riprendendo il nome di questo fiume che bagna il sud del dipartimento.

Venne creato a partire da una parte della provincia del Poitou (Bas-Poitou), dell’Isola di Noirmutier (Île de Noirmoutier) e di 16 comuni delle Marche Bretagne-Poitou e de vescovado di Nantes meno la parrocchia di Remouillé, annesso al dipartimento della Loire-Inférieure.

Il primo capoluogo fu Fontenay-le-Comte.

A causa della guerra di Vandea il dipartimento cambio nome in Vengé (Vendicato) nel 1793 per riprendere il nome di Vendée nel 1795.

Napoleone I con un decreto del 25 maggio 1804 dispose il trasferimento del capoluogo della Vandea da Fontenay-le-Comte a La Roche-sur-Yon, da ricostruire secondo le sue indicazioni. Il nome della città mutò ben 9 volte La Roche-sur-Yon (prima del 28 agosto 1804); Napoléon (durante il primo impero); La Roche-sur-Yon (per una quindicina di giorni nel 1814); Bourbon-Vendée (dall’aprile 1814 all’aprile 1815); Napoléon (da aprile a giugno 1815 durante i 100 giorni); Bourbon-Vendée (dal giugno 1815 al 1848 durante la seconda restaurazione); Napoléon (dal 1848 al 1852 Seconda Repubblica); Napoléon-Vendée (durante il Secondo Impero); La Roche-sur-Yon (dal 1870).

Vendée

La Vendea ha come emblema tradizionale il doppio cuore, mentre i castelli nella bordura provengono dallo stemma dell’antica provincia del Poitou, mentre i gigli ora sono simboli del regno di Francia.

Si tratta del simbolo dell’esercito vandeano che però consisteva in un cuore sormontato da una croce rossa su campo bianco a simboleggiare il Sacro Cuore di Gesù e Maria a cui i vandeani erano particolarmente devoti grazie alla predicazione di San Luigi Maria Grignion de Montfort. Lo stemma della Vandea sopra i due cuori rossi (svuotati) (quelli di Gesù e Maria) presenta una corona sormontata da una croce che simboleggia la regalità del Cristo. Il motto era « Dieu Le Roi » che significa “Dio [è] il Re”.

Si blasona: « D’argent au double cœur vidé, couronné et croiseté de gueules, à la bordure componée d’azur à la fleur de lys d’or et de gueules au château donjonné de trois tourelles aussi d’or » (D’argento al doppio cuore vuotato, coronato e crocettato di rosso, alla bordura composta d’azzurro al giglio d’oro e di rosso al castello turricellato di tre d’oro).

Lo stemma della Vandea è stato adottato nel 1944.

vendée2

La bandiera vandeana è un partito di bianco e di rosso con al centro lo stemma stilizzato e privato della bordura.

vendée3

L’identità visiva della Vandea è frutto del designer francese Michel Disle.

È formato da un parallelelogramma rosso attraversato da un duplice cuore vandeano dello stesso colore. A destra vengono poste le parole VENDÉE in lettere nere e, al di sotto, CONSEIL GÉNÉRAL nelle stesse lettere ma inclinate.

Il vecchio logo era formato da due lunghe bande rosse e bianche con il simbolo vandeano al centro et il nome del dipartimento sotto.

 

Nota di Bruno Fracasso

Profilo Araldico
“D’argento al doppio cuore vuotato, coronato e crocettato di rosso, alla bordura composta d’azzurro al giglio d’oro e di rosso al castello torricellato di tre d’oro”.
Stemma ridisegnato
Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini

Colori dello scudo: argento
Oggetti dello stemma castello, doppio cuore, giglio
Pezze onorevoli dello scudo: bordura
Attributi araldici: coronato, crocettato, torricellato, vuotato

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su