Hérault

Informazioni
  • densità:
Storia del Dipartimento e dello Stemma
L’Hérault (in occitano Erau) è un dipartimento francese della regione dell’Occitania (Occitanie). Confina con i dipartimenti dell’Aude a sud-ovest, del Tarn a ovest, dell’Aveyron a nord-ovest e del Gard a nord-est. A sud-est è bagnato dal Mar Mediterraneo (Golfo del Leone).

Le principali città, oltre al capoluogo Montpellier, sono Béziers, Sète e Lodève.


Anticamente il suo nome era Arauris poi nel Medio evo prese il nome di Aréror. Il nome proviene dall’oro che si trova nel suo letto. Altre ipotesi tendono a farlo provenire dalla radice indoeuropea aar che significa fiume, presente in molti altri nomi come Isère o Isarco.

La storia dell’Hérault comincia decine di milioni di anni fa con i dinosauri dei quali si trovano delle tracce e delle uova fossili alle porte di Mèze. Verso la fine del neolitico appaiono dei raggruppamenti di capanne in pietra dei quali conosciamo i siti attorno a Montpellier.

Sono passate e si sono  mescolate in questa terra molte razze diverse : gli Iberici da sud, gli Etruschi dal mare, i Celti dal Reno, i Liguri dall’Italia. Poi i Greci e i Romani.

Più tardi questa terra viene marcata da passioni religiose terribili che hanno portato grandi lutti.

Nel XVI secolo il francese diviene lingua officiale, l’Hérault diventa un centro commerciale di grande importanza e snodo per la Catalogna e il Levante.

Il  XVII secolo sarà quello dei grandi lavori : la costruzione del Canale du Midi, il porto di « Cette » (Sète).

Nel medesimo periodo la vita intellettuale si sviluppa sotto l’impulso delle società scientifiche di Béziers e  di Montpellier che collaborano all’Enciclopedia.

Il dipartimento dell’Hérault è stato creato  nel periodo rivoluzionario tanto che il suo primo statuto è realizzata il 14 pluvioso dell’anno VI (14 marzo 1790) in applicazione della legge del 22 dicembre 1789,  e comprendeva una parte delle vecchia provincia della Languedoc, il Biterrois, l’Espinouse, il Lodèvois, il Montpelliérais e una parte del Larzac.

Nel 1851, dopo il colpo di Stato di Luigi-Napoleone Bonaparte, i villaggi attorno a Béziers insorsero e così, a dicembre il dipartimento viene considerato in stato d’assedio.

La costruzione della ferrovia rende la coltivazione della vigna molto redditizia nel XIX secolo.

Il Dipartimento dell’Hérault non ha uno stemma ufficialmente riconosciuto; tuttavia quello in uso richiama gli smalti dello stemma della Regione del Languedoc-Rousillon. Lo stemma dipartimentale è una sintesi tra quello dei conti signori di Tolosa (“Di rosso alla croce d’oro pomellata e inchiavata di dodici pezzi d’oro”) e quello dei conti di Montpellier (“D’argento al tortello di rosso”). Lo stemma è stato creato nel 1951 da Robert Louis.

Si blasona : « D’argent au tourteau de gueules chargé d’une croix cléchée, vidée et pommetée de douze pièces d’or ».

In italiano: “D’argento al tortello di  rosso caricato da una croce inchiavata, vuotata e pomellata di dodici pezzi d’oro”.

Attualmente il dipartimento dell’Hérault utilizza un logo formato da una H che ricorda il mare ondato di azzurro. L’unico riferimento allo stemma è un sole tondo di rosso che si potrebbe rapportare al tortello dei conti di Montpellier.

 Hérault logo

Note di Bruno Fracasso e Massimo Ghirardi

Profilo Araldico
“D’argento al tortello di rosso caricato da una croce inchiavata, vuotata e pomellata di dodici pezzi d’oro”.
Stemma ridisegnato
Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini

Colori dello scudo: argento
Oggetti dello stemma croce di Tolosa, tortello
Attributi araldici: inchiavato, pomellato, vuotato

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su