Dipartimento Eure

Informazioni
  • densità:
Storia del Dipartimento e dello Stemma
L’Eure è un dipartimento francese della regione della Alta-Normandia (Haute-Normandie); è uno dei cinque dipartimenti nati dalla suddivisione dell’antica provincia della Normandia.

Prende il nome dal fiume Eure che lo attraversa prima di raggiungere la Senna. Il suo capoluogo è Èvreux.

 

La Contea di Évreux era un’antica contea creata dal duca Riccardo I di Normandia nel 989 per suo figlio Riccardo d’Évreux, arcivescovo di Rouen. La contea passò poi nel 1118 al casato dei signori di Montfort-l’Amaury, ramo cadetto dei Hainaut, tramite il matrimonio tra Agnese d’Évreux, figlia di Riccardo d’Évreux, e Simone I di Montfort, conte di Montfort-l’Amaury. Nel 1198 venne ceduta alla Francia e Filippo IV di Francia la concesse a suo fratello Luigi che diede vita al casato di Évreux che sedette sul trono di Navarra. Nel 1404 Carlo III di Navarra diede alla Francia la contea in cambio del Ducato di Nemours, decretandone la fine.

 

Il dipartimento è stato creato durante la Rivoluzione francese, il 4 marzo 1790 in applicazione della legge del 22 dicembre 1789 con il nome di “Dipartimento di Évreux”. Évreux, capoluogo del dipartimento, abbandonò questo ruolo nel 1793 a favore di Bernay per poi riottenerlo alla fine dello stesso anno.

Il nome fu successivamente cambiato con l’attuale.

 

Il suo territorio, dopo Waterloo fu occupato dalle truppe prussiane.

 

 Eure copia

 

Lo stemma dell’Eure si blasona: « Coupé: au premier de gueules, à deux léopards d’or armés et lampassés d’azur, l’un au-dessus de l’autre; au deuxième d’azur, semé de fleurs de lis d’or, à la bande componnée d’argent et de gueules brochant sur le tout ».

In italiano: “Troncato: al primo di rosso, ai due leopardi d’oro armati e lampassato di azzurro, l’uno sotto l’altro; al secondo d’azzurro seminato di gigli d’oro, alla banda composita d’argento e di rosso attraversante sul tutto”.

 

Lo stemma combina le armi dell’antica provincia della Normandia (Di rosso ai due leopardi d’oro armati e lampassati di azzurro) con quelle degli antichi conti di Évreux (1380) (D’azzurro seminato di gigli d’oro, alla banda composta d’argento e di rosso). Furono proposte dall’araldista Robert Louis nel 1950.

 

 

 eure

 

Il vecchio logo del Consiglio generale dell’Eure rappresentava l’iniziale del nome del dipartimento, una “e” minuscola, in verde, con la denominazione dell’istituzione in lettere maiuscole azzurre, attraversanti sulla “e”.

Il simbolo racchiudeva molti significati non sempre espliciti. La “e” pareva disegnata con un pennello e voleva simbolizzare la mano dell’uomo che lavora con applicazione ma anche con spontaneità. Le qualità degli abitanti erano indicate nel segno grafico dinamico e leggero.

Il colore verde era, in tutta evidenza, un riferimento alla natura della Normandia

Il font utilizzato era di tipo antico, indicava l’attaccamento alle tradizioni, ma il tratto moderno voleva indicare lo slancio verso il futuro. Infine, la scritta azzurra, che ricordava nel colore gli antichi smalti del dipartimento, formava un quadrato segno del rigore della gente.

 

eure-d

 

A questo fece seguito un altro logo, utilizzato anche come bandiera, che riprendeva il precedente aggiungendovi, a sinistra, il motto “VOUS C’EST NOUS” (Voi è noi) in verde su di un palo di azzurro.

 

 

 logo-eure

 

Il nuovo logo voleva dare un’immagine molto più dinamica al dipartimento, suggeriva leggerezza e semplicità tanto quanto il vecchio appariva pesante e rigido. Lo scopo è di offrire del dipartimento un’immagine accogliente e propizia per una visita.

La natura è sempre presente, suggerita dal colore verde del logo e nella forma fustata delle lettere e dagli inserti verdi verticali.

nouveau-logo-eure

Un’ultima versione del logo, talvolta usata unitamente alla precedente, sfrutta l’assonanza tra la parola heure (ora), anche nel senso di “essere puntuale”, “essere preciso” (à l’heure), e il nome del dipartimento Eure che si pronunciano allo stesso modo. Questo si accorda con il segno grafico che riprende i due colori del logo precedente e che assomiglia a due lancette di un orologio.
Il motto recita “Normandia, tutto comincia nell’Eure” (Normandie, tout commence dans l’Eure).

Volendo con questo far capire che non è possibile arrivare in Normandia senza passare nell’Eure. Un invito al turismo, insomma.

 

Note di Fracasso Bruno e Massimo Ghirardi

Profilo Araldico
“Troncato: al primo di rosso, ai due leopardi d’oro armati e lampassato di azzurro, l’uno sotto l’altro; al secondo d’azzurro seminato di gigli d’oro, alla banda composita d’argento e di rosso attraversante sul tutto”.
Stemma ridisegnato

Disegnato da: Bruno Fracasso

Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database
Colori dello scudo: azzurro, rosso
Partizioni: troncato
Oggetti dello stemma giglio, leopardo
Attributi araldici: armato, attraversante, composito, lampassato, seminato, uno sotto l'altro

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su