Dipartimento Aveyron

Informazioni
  • densità:
Storia del Dipartimento e dello Stemma
L’Aveyron (Avairon in occitano) è un vasto e popoloso dipartimento della regione dei Midi-Pirenei (Midi-Pyrénées). Il suo capoluogo è Rodez.

Prende il suo nome dall’Aveyron, un fiume che scorre nel dipartimento, assieme al Lot e alla Garonna, e che si getta nel Tarn. Il suo nome deriverebbe da Avario poi Veronius, che viene a sua volta da awa (acqua) + aar (torrente).

 

Il dipartimento venne creato nel 1790, durante la Rivoluzione francese a partire dal territorio dell’antica provincia del Rouerge. Nel 1808 venne amputato del cantone di Saint-Antonin-Noble-Val per creare il dipartimento di Tarn-et-Garonne.

 

Tra l’VIII e il VI secolo a.C. si stanziò nella regione la tribù celtica dei Ruteni, alleati degli Alverni di Vercingetorige, che hanno lasciato abitati fortificati sulle alture, tra cui Segodunum sul sito dell’odierno capoluogo. Dopo la conquista di Giulio Cesare alla metà del I secolo a.C. la regione fece parte della provincia romana della Gallia Aquitania.

Dopo le invasioni dei Visigoti e il passaggio dei Vandali nella loro strada verso l’Africa settentrionale, nel 720 il territorio viene occupato dai Saraceni. Nell’864 i Vichinghi vengono fermati ai limiti del territorio dall’esercito di Carlo il Calvo.

La regione fu in seguito sotto la sovranità del conte di Tolosa. Il conte Raimondo di Saint-Gilles cedette il proprio feudo a Riccardo, visconte di Carladez nel 1112 che assume quindi il titolo di conte di Rodez, in contrasto con il vescovo locale.

 

Secondo il trattato di Brétigny del 1360, il territorio entrò a far parte dei possedimenti inglesi e durante la guerra dei cent’anni il territorio è percorso da numerose compagnie mercenarie, che seminano desolazione.

Ancora intorno alla metà del XVI secolo scoppiarono disordini a causa del conflitto tra protestanti e cattolici e non cessarono fino al 1629.

Aveyron

Lo stemma dell’Aveyron è quello dell’antica provincia del Rouergue dalla quale ha avuto i suoi natali. Si blasona : « De gueules à un léopard lionné d’or » (Di rosso al leopardo illeonito1 d’oro)
Si tratta in effetti della brisura dell’arma della Guyenne di cui il Rourgue era una componente. La provincia porta un leopardo d’oro nella sua posizione normale.

La bandiera del dipartimento è rossa e riporta al centro il leopardo illeonito.

 aveyron2

Il vecchio logo dell’Aveyron era formato da un rettangolo verde caricato da una “A” maiuscola, d’oro. Sotto, di bianco, in lettere maiuscole, appare il nome del dipartimento, e sotto ancora, su di un rettangolo di bianco, il nome dell’ente di verde.

aveyron

Il recente logo, malgrado le apparenze, concettualmente non si discosta dal precedente. La “A”

si trasforma in una stella multicolore che però conserva l’aspetto esteriore della lettera del logo precedente.I colori utilizzati, arancio, giallo, verde, grigio e nero, sono quelli relativi alla terra e la @ contenuta al centro richiama sia l’iniziale del nome del dipartimento sia proietta il dipartimento nel futuro. Tutto il logo è contenuto in un rettangolo azzurro a simbolizzare l’importanza dei fiumi. Del logo si conoscono diverse varianti utilizzate sia dal Conseil général sia da enti derivati da questo.

La vecchia bandiera del dipartimento era verde con il logo al centro, quella attuale è bianca.

 

1 Il leopardo araldico non assomiglia all’animale, ma ha la forma del leone passante, cioè posato su tre zampe, con l’anteriore destra sollevata e con la testa in maestà, cioè che guarda l’osservatore. Si dice illeonito quando viene rappresentato nel modo proprio del leone, cioè rampante, ritto sulle zampe posteriori, e con la testa in maestà.

 

Nota di Bruno Fracasso

Profilo Araldico
“Di rosso al leopardo illeonito d’oro”
Stemma ridisegnato

Disegnato da: Bruno Fracasso

Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Colori dello scudo: rosso

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su