Comune di Villeneuve-lès-Maguelone (34)

Informazioni

Storia dello stemma e del comune

Villeneuve-lès-Maguelone (in occitano Vilanova de Magalona) è un comune francese situato nel dipartimento dell’Hérault, regione dell’Occitania.

I suoi abitanti sono chiamati villeneuvois e villeneuvoises.

L’abitato attuale è la città nuova, costruita nel 737, sul continente nei pressi di Maguelone e ad essa collegata. Da questo deriva il suo nome di città nuova. Il determinante lès sta per vicino a, nei pressi di…

Maguelone è un’antica città fondata dai Visigoti sull’isola omonima. A causa della sua posizione su un cordone di sabbia di facile difesa, tra una laguna ed il mare, l’isola divenne sede di una cattedrale e di un’antica diocesi, distrutta dai Franchi nel 737.

I motivi dell’instaurazione del vescovato di Maguelone su quell’isoletta separata dalla Via Domizia e lontano da tutti gli agglomerati urbani rimangono inspiegati. Tuttavia il carattere insulare del luogo doveva garantire una certa sicurezza e Maguelone fu sede della diocesi, ma anche dei conti goti.

Nell’VIII secolo, a causa della sua posizione vene conquistata dai Saraceni e divenne Port Sarrasin.

Però i Franchi, sotto il regno di Carlo Martello liberarono la città e distrussero la moschea.

Maguelone fu rilevata dal vescovo Arnaud che migliorò l’accessibilità dell’isola costruendo un ponte di circa un chilometro.

I successori del vescovo Arnaud furono sottomessi alla sovranità dei conti di Melgueil.

Nel 1172 la contea di Melgueil passò nelle mani dei conti di Tolosa. Divenuta proprietà della Santa Sede e terra di asilo, Maguelone raggiunse il suo massimo splendore.

Durante la crociata albigese, Maguelone rimase un bastione papale: la contea di Melgueil, di proprietà del conte di Tolosa Raimondo VI, venne infeudata da papa Innocenzo III al vescovo Guglielmo III di Autignac nel 1215.

Da quel momento la contea di Melgueil passò ai vescovi di Maguelone.

Il calvinismo fu introdotto a Montpellier nel febbraio del 1560 dal pastore Guillaume Mauget e di conseguenza Maguelone divenne una fortezza calvinista. Durante il regno di Enrico III fu istituita a Montpellier una sorta di repubblica calvinista. Montpellier fu riconquistata da Luigi XIII nell’ottobre del 1622 insieme a Maguelone.

Il fondo di Maguelone fu acquistato nel 1852 da Frédéric Fabrège che ne iniziò il restauro. Egli intraprese scavi e vi fece piantare numerose essenze mediterranee, essendo allora l’isola totalmente spoglia di alberi.

Lo stemma di Villeneuve-lès-Maguelone, è ritrovabile sull’armoriale del D’Hozier relativo alla Languedoc con gli stessi smalti, gli stessi oggetti, le due palme però sono in palo e non ricurve.

Si blasona: « D’azur à deux palmiers d’or au tronc courbé se rapprochant par leurs palmes en formant un arc ».   In italiano: “Di azzurro alle due palme di oro dal tronco curvato avvicinantisi con le loro foglie formanti un arco”.

Nota di Bruno Fracasso
Profilo Araldico
“Di azzurro alle due palme di oro dal tronco curvato avvicinantisi con le loro foglie formanti un arco”
Stemma ridisegnato

Disegnato da: Bruno Fracasso

Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database
Colori dello scudo: azzurro
Oggetti dello stemma arco, foglia, palma, tronco
Attributi araldici: curvato

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Torna su