Comune di Sorbs (34)

Informazioni

Storia dello stemma e del comune

Sorbs (Sòrbs in occitano) è un comune francese del dipartimento dell’Hérault, nella regione dell’Occitania.

 

I suoi abitanti sono chiamati sia al maschile che al femminile Sorbiens.

Circa 5.000 anni i primi contadini si sono installati sull’altopiano.

Si evoca una battaglia leggendaria degli autoctoni contro gli invasori romani per giustificare il toponimo Alajou. I romani vincitori avrebbero eretto un altare a Giove, Ara Jovis, da cui Alajou.

Pur essendo stata del tutto disattesa, questa etimologia rimane per la sua suggestività. L’occupazione del territorio è tuttavia sicuramente accertata per il periodo romano.

Si trova traccia della chiesa di Sorbs nell’804 e sembra che fosse una delle prime della regione.

Sorbs è menzionata come villa nei IX, X e XI secolo.

Si è chiamata Villa Sorbes (804), Villa Sorcianicum (996), poi di nuovo Villa Sorbes (1032), Sorts (1625). Il nome sarà definitivo verso il XVII secolo (1688).

Nel 1247, la frazione di Ville Vieille è menzionata negli archivi di Sainte-Eulalie e dei templari si sono installati nel maso di Vilaveilla.

Il castello è del XVII secolo e offre uno spaccato dell’architettura dell’epoca. Sulla porta uno scudo porta le armi della famiglia di La Treilhe de Sorbs e dei Fozières.

Il riferimento alla parrocchia lo si trova nel cartolario di Gellone e al Libro Verde che citano la parrocchia do “Sancti Johannis de Sorbs”.

Lo stemma di Sorbs si blasona: «D’argent à un sorbier arraché de sinople fruité de gueules, au chef d’azur à un lion issant d’or couronné du même, armé et lampassé de gueules.».

In italiano: “Di argento a un sorbo sradicato di verde fruttato di rosso, al capo di azzurro a un leone nascente dalla partizione di oro coronato dello stesso, armato e lampassato di rosso”.

Lo stemma è stato disegnato da Jean-Claude Molinier e adottato l’11 juillet 2003.

In tutta evidenza, lo stemma è parlante poiché il sorbo ricorda il nome del Comune.

Lo stemma non appare nell’armoriale del D’Hozier poiché disegnato in tempi recenti.

 

 

 

Nota di Bruno Fracasso

Profilo Araldico
“Di argento a un sorbo sradicato di verde fruttato di rosso, al capo di azzurro a un leone nascente dalla partizione di oro coronato dello stesso, armato e lampassato di rosso”.
Stemma ridisegnato

Disegnato da: Bruno Fracasso

Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Colori dello scudo: argento, azzurro
Partizioni: capo
Oggetti dello stemma leone, sorbo
Pezze onorevoli dello scudo: partizione
Attributi araldici: armato, coronato, fruttato, lampassato, nascente, sradicato

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Torna su