Comune di Signa (FI)

no comune

Informazioni

  • Codice Catastale: I728
  • Codice Istat:
  • CAP: 0
  • Numero abitanti: 18510
  • Altitudine: 0
  • Superficie: 0
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

Faceva parte del Comune anche gran parte dell’ex Comune di Brozzi, che aveva un proprio complesso stemma “figurativo” adottato dal Comune verso la fine del XIX secolo, alludente ai terreni paludosi del Comune. Note di Massimo Ghirardi Bibliografia: AA.VV. DIZIONARIO DI TOPONOMASTICA Storia e significato dei nomi geografici italiani. UTET, Torino 1997 (prima edizione 1990). Pagnini (Gian Piero) a cura di, GLI STEMMI DEI COMUNI TOSCANI AL 1860. Polistampa, Giunta Regionale Toscana, 1991.
Profilo Araldico
“Campo di cielo, al ponte di tre archi, uscente dai fianchi, gli archi laterali visibili solo in parte e più esigui, fondato sullo specchio d’acqua, di azzurro, fluttuoso di argento, esso ponte visto in prospettiva, di argento, murato di nero e sostenente a sinistra tra i due archi la torre quadra, d’argento, murata di nero, vista in prospettiva, merlata alla guelfa con tre merli angolari visibili, e con sei merli visibili, tre e tre, essa torre con la porta volta a destra, di nero, sormontata dal giglio di Firenze, di rosso, finestrata di due di nero, nel lato privo di porta; il tutto sotto il capo di azzurro, seminato di gigli d’oro e caricato dal rastrello di cinque denti, di rosso, con la sola traversa orizzontale prolungata fino ai lembi dello scudo, i denti posti come nel rastrello non prolungato”
Stemma ridisegnato

Disegnato da: Michele Turchi

Fonte: Dueffesport

Stemma Ufficiale
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Note Stemma

Lo stemma fu ricavato da un sigillo in uso fin dal secolo XIV. Raffigura l’antico ponte a tre archi custodito da una torre quadrata, simbolo della caratteristica di punto nevralgico che questo centro possedeva nel medioevo. La fedeltà alla parte guelfa ed alla famiglia degli Angiò è ricordata, oltre che dalla merlatura della torre, dai gigli d’oro e dal rastrello rosso che si trovano, su campo azzurro, in alto nello scudo.
(dal sito del Comune)

Profilo Araldico
“Drappo di bianco…”
Gonfalone ridisegnato

Disegnato da: Bruno Fracasso

Fonte: Archivio Centrale dello Stato

Gonfalone Ufficiale
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database
Colori del gonfalone: bianco

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su