Comune di Saint-Privat (34)

Informazioni

Storia dello stemma e del comune

Saint-Privat (in occitano Sant Privat) è un comune francese del dipartimento dell’Hérault, nella regione dell’Occitania.

 

I suoi abitanti sono chiamati Privatois e Privatoises.

Saint-Privat de Mende, da cui prende il nome il paese, è una dei grandi santi francesi. Dovrebbe essere nato a Clairmont e dovrebbe essere morto verso il 255 o 260.

Il comune è composto tra trevillaggi : Saint-Privat, Salces e Rouquette.

il villaggio aveva una grande rinomanza nei tempi antichi tanto che i signori del luogo avevano diritto di alta, media e bassa giustizia. Le sue case si sono stabilite sulla riva sinistra del Maro e sono tutte costruite in gres.

Gran parte delle attività agricole, grazie alla grande disponibilità di acqua, si trovano a Les Salces.

Nel corso della Rivoluzione francese il villaggio prese il nome di Maro.

Una delle risorse del villaggio è il gres, un eccellente abrasivo, ideale per affilare gli utensili e per lucidare il marmo.

Tagliate in forma cilindrica e montate su di un asse orizzontale, le mole di Saint-Privat erano molto utilizzate da mugnai e frantori.

 

Taillées en forme cylindrique et montées sur un axe généralement horizontal, les meules fabriquées à Saint-Privat étaient très utilisées par les rémouleurs.

Le mole venivano vendute in tutto il Lodève e fino a Montpellier e Sète. Poi venivano trasportate per nave in Italia dove venivano utilizzate per lucidare il marmo.

Lo stemma di Saint-Privat si blasona: «Écartelé: au 1er d’azur au donjon d’argent, au 2e de gueules à la Sainte Vierge d’or, au 3e de gueules à la porte fortifiée d’or, ouverte du champ, maçonnée de sable, au 4e d’azur à la meule de moulin d’argent, percée en carré du champ.».

In italiano: “Inquartato: al 1° di azzurro al mastio d’argento, al 2° di rosso alla Santa Vergine di oro, al terzo di rosso alla porta fortificata di oro, aperta del campo, murata di nero, al 4° di azzurro alla mola di mulino di argento, forata in quadrato del campo”.

È stato creato da Jean-Claude Molinier, nel 1992.

L’azzurro simbolizza i ruscelli di Marguerite e Saint-Privat, il mastio quadrato è quello che domina il villaggio, la vergine è la rappresentazione di Nostre-Dame des Salces, la chiesa del villaggio principale, la porta ricorda quella che proteggeva il villaggio fortificato. La mola, invece, ricorda la principale tra le attività produttive del comune.

 

 

 

 

Nota di Bruno Fracasso

Profilo Araldico
“Inquartato: al 1° di azzurro al mastio d’argento, al 2° di rosso alla Santa Vergine di oro, al terzo di rosso alla porta fortificata di oro, aperta del campo, murata di nero, al 4° di azzurro alla mola di mulino di argento, forata in quadrato del campo”.
Stemma ridisegnato

Disegnato da: Bruno Fracasso

Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Colori dello scudo: azzurro, rosso
Partizioni: inquartato
Oggetti dello stemma Santa Vergine, mastio, molta di munito, porta
Attributi araldici: aperto, forato in quadrato, fortificato, murato

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Torna su