Comune di Rochegude (26)

Informazioni

Storia dello stemma e del comune

Rochegude si trova nel dipartimento della Drôme della regione del Rodano-Alpi, la cui denominazione è documentata come Roca Acuta nel 1236, per via della sua posizione in vetta ad un picco roccioso di 130 metri a dominio della pianura del Rodano e dal quale si gode un bel panorama su questa regione della Provenza storica e sui pregiati vigneti (dai quali si produce il “Côtes du Rhône village” erede degli antichi vini romani dell’epoca di Domiziano).

 

Il villaggio fu feudo della Chiesa, con parte del territorio governato direttamente dai pontefici di Avignone attraverso la Contea del Venaissin, e parte feudo del Delfinato, situazione amministrativa e geografica che ha dato origine anche alla vicina Enclave des Papes, che a seguito di complesse variazioni confinarie si trovò a essere dipendente dalla Vaucluse, ma circondata dal territorio della Drôme.

 

Secondo la leggenda durante le Guerre di Religione la rocca venne attaccata dagli Ugonotti, ma gli abitanti, terminata ogni altra munizione, si difesero gettando le arnie piene d’api (presumibilmente inferocite) dall’alto dei camminamenti di ronda. Quest’episodio ha dato origine al quarto dello stemma con la figura dell’ape d’oro

 

Il delfino azzurro è l’antico simbolo del Delfinato e, oggi, della Drôme; i gigli d’oro sono il classico emblema de re di Francia e della Provenza (un giglio d’oro sovrastato da un lambello rosso in campo azzurro è tutt’ora il simbolo regionale, derivato dall’emblema d’Anjou); l’ape, oltre che rammentare la leggenda è simbolo dell’operosità degli abitanti; infine la tiara (o triregno) papale rammenta il dominio dei papi sul territorio.

 

Nota di Massimo Ghirardi

Stemma ridisegnato

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Note Stemma Il delfino azzurro è l’antico simbolo del Delfinato e, oggi, della Drôme; i gigli d’oro sono il classico emblema de re di Francia e della Provenza (un giglio d’oro sovrastato da un lambello rosso in campo azzurro è tutt’ora il simbolo regionale, derivato dall’emblema d’Anjou); l’ape, oltre che rammentare la leggenda è simbolo dell’operosità degli abitanti; infine la tiara (o triregno) papale rammenta il dominio dei papi sul territorio.

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Torna su