Città di Quarrata (PT)

Informazioni

  • Codice Catastale: H109
  • Codice Istat:
  • CAP: 51039
  • Numero abitanti: 25379
  • Nome abitanti: quarratini
  • Altitudine: 48
  • Superficie: 48
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 22.5
  • Distanza capoluogo: 22.5

Storia dello stemma e del comune

Forse di origine romana, la prima menzione di Quarrata risale al 997 in un diploma di Ottone III. Appartenente in origine alla podesteria granducale di Tizzana, nel 1880 Quarrata divenne capoluogo del comune, che tuttavia continuò a intitolarsi a Tizzana fino al 1959.

PREISTORIA

In epoca preistorica il bacino intermontano di Firenze-Pistoia era occupato da una depressione lacustre chiusa a sud dai Colli Alti di Signa e al di là di questi dalla soglia rocciosa della Gonfolina. Questo bacino, la cui profondità massima si trovava nella zona fra Campi e Calenzano e la minima nell’attuale città di Firenze, si vuotò quasi interamente per effetto di lenti movimenti orogenetici e subì una graduale sedimentazione che determinò l’innalzamento del fondo del lago: in questo si aprirono l’alveo i corsi d’acqua che convergevano verso la pianura, e le acque residue trovarono il loro emissario nella zona di Signa verso l’Arno, attraverso lo stretto della Gonfolina. Il prosciugamento della pianura non fu però totale: all’inizio dell’epoca storica vaste zone erano ancora occupate da acque stagnanti, mentre le aree emerse erano soggette a continui impaludamenti e alluvioni.

Tratto dal sito ufficiale del comune di Quarrata

La denominazione attuale risale al 1959 quando sostituì quella di TIZZANA (oggi frazione). Alla sua istituzione adottò uno stemma che riprende la tradizionale scacchiera di Pistoia, alla quale fu soggetta, in una fascia posta su uno scudo nero (piuttosto raro in Araldica, perché tradizionalmente associato a significati negativi).

Il nome riprende il latino “quadrata”, con probabile riferimento ad un appezzamento agricolo, che rimanda alla “centuria quadrata” degli agrimensori romani.



Note di Massimo Ghirardi

[vedi anche Pistoia, Castel San Pietro Terme (BO)]
Profilo Araldico
“Di nero, alla fascia scaccata, di due file, di rosso e d’argento”.
Stemma ridisegnato

Fonte: Anna Bertola

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Colori dello scudo: nero
Pezze onorevoli dello scudo: fascia
Attributi araldici: di due file, scaccato
Profilo Araldico
“Drappo di bianco…”
Gonfalone ridisegnato

Disegnato da: Bruno Fracasso

Fonte: www.radicedidue.com/Toscana

Gonfalone Ufficiale
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database
Colori del gonfalone: bianco
Profilo Araldico
“Partito di rosso e di bianco…”
bandiera ridisegnata

Disegnato da: Massimo Ghirardi

bandiera Ufficiale
no bandiera
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

  • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) di concessione – 03/07/1969

  • Decreto del Capo del Governo (DCG) di riconoscimento – 26/10/1928

Torna su