Comune di Prades-sur-Vernazobre (34)

Informazioni

Storia dello stemma e del comune

Prades-sur-Vernazobre (in occitano Pradas de Vernasòbre) è un comune francese del dipartimento dell’Hérault, nella regione dell’Occitania.

Gli abitanti del comune sono detti pradéens e pradéennes.

Il nome del villaggio proviene da pratis mentre Vernazobre è il nome del fiume che lo attraversa e che significa “ruscello degli ontani”.

Fino dal neolitico alcuni uomini sono vissuti su queste terre, è stato, infatti, trovato del vasellame che data più di 4.000 anni.

Gli stessi siti sono stati occupati da Romani e Visigoti.

Nel medioevo il comune apparteneva alla castellania di Cessenon. La pstorizia lasciò spazio, a poco a poco, all’agricoltura dei cereali, degli ulivi e della vigna (dal 1365).

Nel 1900 riesce ad acquisire la propria indipendenza distaccandosi da Cessenon e sviluppando progressivamente viticultura e turismo.

Lo stemma di Prades-sur-Vernazobre si blasona: « De sinople au dragon d’or soutenu d’une trangle ondée d’argent ; au chef d’or chargé d’une fleur de lys d’azur accostée de 2 grappes de raisin de gueules pamprées de sinople. ».

In italiano: “Di verde al dragone di oro sostenuto da una trangla ondata di argento; al capo di oro caricato di un giglio di Francia di azzurro accostato da due grappoli di uva di rosso pampinati di verde”.

Nessuno degli stemmi attribuiti a Prades dal D’Hozier assomiglia a quello in uso. Lo stemma è stato recentemente creato da JP Fernon e Didier Catarina ed è adottato il 15 dicembre 2016.

Il campo di verde richiama l’etimologia di Prades, la trangla ondata si riferisce alla Vernazobre, mentre il dragone ricorda la leggenda secondo la quale santa Margherita abbatte il dragone. Il capo di oro ricorda la risorsa principale del comune, la vite, mentre il giglio di Francia di azzurro ricorda che Cessenon, di cui Prades faceva parte, dipendeva dal dominio reale.



Nota di Bruno Fracasso
Profilo Araldico
“Di verde al dragone di oro sostenuto da una trangla ondata di argento; al capo di oro caricato di un giglio di Francia di azzurro accostato da due grappoli di uva di rosso pampinati di verde”.
Stemma ridisegnato

Disegnato da: Bruno Fracasso

Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database
Colori dello scudo: oro, verde
Partizioni: capo
Oggetti dello stemma dragone, giglio di Francia, grappolo di uva
Pezze onorevoli dello scudo: trangla
Attributi araldici: accostato, caricato, ondato, pampinato, sostenuto

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Torna su