Città di Lille (59)

Informazioni

Storia dello stemma e del comune

La città di Lille alza uno stemma1 “parlante”, dato che mostra un giglio (“lilium” in latino) d’argento “fiorito” e si blasona: “de gueules à la fleur de lys d’argent” (Di rosso, al giglio d’argento). Nelle “armi grandi” (disegnate da Robert Louis) della città lo scudo, oltre alla corona di città-capitale, è sostenuta da due leoni neri (richiamo all’emblema della Fiandra), accompagnato dal motto 1792 – A BIEN MÉRITÉ DE LA PATRIE, e insignito della Légion d’Honneur (concessa nel 1900), della Croix de Guerre 1914-1918 e della Croix de Guerre 1939-1945 (alla città è stata concesso anche nel 1920 la medaglia dell’Ordine Portoghese della Torre e della Spada, normalmente non rappresentata).

Il disegno in uso, con il giglio di tre petali (precedentemente erano cinque) e molto simile al “fleur-de-lys” dell’emblema di Francia e agli esempi medioevali, risale ad un “restauro” del 1926, realizzato da Emile Théodore, Conservatore presso le Belle Arti della città, che venne incaricato dal sindaco Roger Salengro.

Lo stemma ha avuto una vicenda analoga, a quello della città di Firenze (che nacque anch’esso d’argento in campo rosso), il cui giglio però è pure “boccolato e bocciolato” (munito cioè di stami e boccioli). Quello di Lille deriva da un sigillo del 1199, e si vuole richiamante l’iris d’acqua (Lys) che cresce abbondante nella zona umida circondante la città, sorta di fatto su un isola (dalla quale il nome originario di L’ISLE) nel mezzo del Deûle, dove nell’866 Baldovino V di Fiandra fondò una città (per questo il conte è anche noto come “Baudoin de Lille”). La città venne conquistata dal re di Francia Filippo-Augusto con la battaglia di Bouvines del 1214.

Nel 1369 la città entrò a far parte del Ducato di Borgogna, in quanto appannaggio di Filippo “l’Ardito” duca di Borgogna, nonché fratello del re Carlo V di Francia, che sposò Margherita figlia del conte di Fiandra Luigi II. Da quel momento la città conobbe per circa tre secoli un periodo di prosperità e di sviluppo intellettuale, artistico e commerciale. Nel 1431 si riunì a Lille il primo Capitolo dell’Ordine del “Toson d’Oro”.

Alla morte del duca Carlo “il Temerario” nel 1477, la figlia ed erede Maria di Borgogna, sposò Massimiliano I d’Asburgo, quindi il Ducato entrò nei domini del Sacro Romano Impero.

La conquista da parte delle armate di Luigi XIV nel 1667 determinò l’unione definitiva alla corona di Francia.

Nel 1858 il Comune di Lille assorbì i territori dei Comuni limitrofi inurbati di Wazemmes, Esqurmes e Fives.

Oggi Lille, “capitale delle Fiandre francesi”, è capoluogo del Dipartimento del Nord, nella Regione Nord-Pas-de-Calais.

 

(1): la presente illustrazione, tratta da un acquarello dello scrivente, è liberamente ispirata all’originale in grafica digitale di Tom Lemmens/Adelbrecht

 

Nota di Massimo Ghirardi e Patrick Dubuis

Profilo Araldico
“Di rosso, al giglio d’argento”.
Stemma ridisegnato

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database
Note Stemma

Acquarello di Massimo Ghirardi liberamente ispirato all’originale in grafica digitale di Tom Lemmens/Adelbrecht

Colori dello scudo: rosso

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Torna su