Comune di Laguiole (12)

Informazioni

Storia dello stemma e del comune

Laguiole (pronunciato « Laïole » nel patois locale, La Guiòla in occitano) è un comune nel dipartimento dell’Aveyron, nella regione dell’Occitanie.   Il nome deriva dall’occitano, dove “la glèiola” (o “la gleisiola”) significa “piccola chiesa”, infatti all’origine del villaggio fu l’erezione di una piccola cappella dipendente dalla parrocchia di Alcom nel 1182.   Nel XVI secolo Laguiole diventa il centro principale, nel territorio del Rouergue, nell’Haute-Guyenne, soggetto al duca d’Aquitania, poi conquistato nel 767 da Pipino il Breve, re di Francia.   Fino al 1271 continuò ad essere soggetta ai conti di Rouergue, ma con la morte di Jeanne de Toulouse e del marito Alphonse de Poitiers passò sotto il dominio diretto dei re di Francia.   Con lettera patente data dal castello del Bois de Vincennes il 29 maggio 1369, il re Carlo V donò le castellanie del Rouergue (tra le quali quella di Laguiole, con Curières e Roquette Bonneval) al conte di Rodez, Jean d’Armagnac, per l’aiuto prestato contro gli inglesi.   Per eredità passerà poi ai d’Albret, fino a tornare dominio reale quando il conte di Rodez Henry de Bourbon, figlio di Giovanna III d’Albret regina di Navarra, diverrà re Enrico IV di Francia nel 1589. Lo stemma del comune si blasona: “Écartelé, au premier et au quatrième de gueules au griffon d’or [alias: à la bordure componé de même]; au deuxième et au troisième, de gueules au sautoir d’argent cantonné de quatre clés du même” (Inquartato; al primo e al quarto di rosso al grifone d’oro [alias: alla bordura composte degli stessi] al secondo e al terzo di rosso alla croce di Sant’Andrea d’argento accantonata da quattro chiavi dello stesso”).   Il primo e quarto quarto, che sarebbe meglio rappresentare al completo (come da ‘alias’ riportato anche sul sito istituzionale del Comune, ma con disegno non corrispondente) con la bordura composta, mostra le armi dei Bérengers, gli altri due quelle dei Scorailles-Claviers. Lo storico abate C. Besombes nel suo “Montmaton, sa terre et son histoire” afferma essere le armi dei signori di Montmaton (parrocchia compresa nel comune attuale) che furono investiti della signoria da parte del re.   Un bell’esemplare di questo stemma (famigliare) è presente nella volta della chiesa di Laguiole.     È gemellato con il paese italiano di Scarperia (oggi nel Comune di Scarperia e San Piero).   Nota di Massimo Ghirardi
Profilo Araldico
“Inquartato; al primo e al quarto di rosso al grifone d’oro [alias: alla bordura composta degli stessi] al secondo e al terzo di rosso alla croce di Sant’Andrea d’argento accantonata da quattro chiavi dello stesso”.
Stemma ridisegnato

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini



Colori dello scudo: rosso
Partizioni: inquartato
Oggetti dello stemma chiave, croce di sant'Andrea, grifone
Attributi araldici: accantonato

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Torna su