Comune di Genova (GE)

Informazioni

  • Codice Catastale: D969
  • Codice Istat:
  • CAP: 16100
  • Numero abitanti: 607906
  • Nome abitanti: genovesi
  • Altitudine: 19
  • Superficie: 19
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

Per la sua posizione chiave al centro del golfo ligure la città può essere considerata una “porta” tra il mare Ligure e l’entroterra. Può certamente essere considerata, come fa osservare Filippo Noceti, una porta di collegamento tra il Mar Mediterraneo e l’Europa continentale. In latino janua significa ‘porta’ ed era (assieme alle soglie delle case) sotto la protezione del dio Janus (Giano) divinità “del principio e della fine, del passato e del presente”, facoltà che rappresentate con una testa bifronte. La corona che timbra l’attuale scudo civico genovese è cimata proprio da una testa di Giano (riduzione di un cimiero), in questo caso androgino, che richiama l’antica JANUA e che è stato rappresentato in base allo scudo già nel XVIII secolo. L’emblema principale della città è però lo scudo d’argento alla croce rossa, tradizionale attributo del santo cavaliere Giorgio, il cui culto accompagnò i Bizantini che si insediarono in questo luogo intorno al VII secolo. Nel 1097 i genovesi partirono per la prima Crociata: durante quella spedizione parteciparono alla presa di Antiochia e portarono in patria le ceneri di San Giovanni Battista. Nella spedizione successiva del 1099 fu decisivo l’intervento di Genova tra i crociati, al punto che sulle mura del Santo Sepolcro fu scritto PRAEPOTENS GENUENSIUM PRAESIDIUM in caratteri d’oro, fu allora che si organizzò la COMPAGNIA COMUNIS, premessa all’organizzazione comunale. I genovesi elessero quindi San Giorgio loro protettore principale e la croce vermiglia come simbolo, richiamo alla passione di Cristo e segno di vittoria e di liberazione dal male (il santo era invocato contro le tentazioni del demonio e la sua iconografia tradizionale lo rappresenta a cavallo in atto di infilzare il drago). In quell’epoca le armi erano partite: il campo d’argento alla croce rossa era abbinato ad un campo azzurro alla fascia d’argento caricata della scritta LIBERTAS in caratteri romani maiuscoli d’oro. Nel 1162 il Comune di Genova ottenne l’investitura feudale dall’imperatore di tutta la Riviera, da Monaco a Capo Corvo, compreso l’arco appenninico. Ancora oggi molti Comuni, facenti parte dell’ex territorio del Genovesato, presentano la croce di San Giorgio nel campo o (più diffuso) nel capo. Questo è da mettere in relazione al fatto che molti dei territori soggetti alla Repubblica di Genova erano amministrati dalla Casa delle Compere di San Giorgio (nota anche coma Banco di San Giorgio) glorioso organismo finanziario d’avanguardia del XIV secolo con sede nell’omonimo palazzo nel Porto Antico, costruito dal capitano del popolo Guglielmo Boccanegra come sede del Governo (oggi sede dell’Autorità Portuale, dal 1905 Consorzio Autonomo del Porto di Genova). Quando nel 1139 fu concesso ai genovesi di batter moneta essi scelsero come simbolo il grifone (leone alato dalla testa d’aquila) leggendario guardiano delle ricchezze e indicante ferocia, prontezza, diligenza e (grazie alla vista acutissima) di custodia e vigilanza. Nel 1580 si cominciarono a vedere due grifoni affrontati come sostegni dello scudo che, lo storico Accinelli, volle identificare con le dinastie di Spagna e Austria protettrici della città. Allorché il Congresso di Vienna del 1815 fu deciso di unire Genova al Regno di Sardegna fu imposto di rappresentare i grifoni con la coda tra le gambe con la punta abbassata, segno di dipendenza alla dinastia sabauda. Nel 2000 il Consiglio Comunale decise di rialzare le punte delle code, alla fine di un acceso dibattito cittadino iniziato nel 1994, la delibera prevedeva anche di voltare all’infuori le teste degli animali. Lo scudo fu cimato da una corona di rango ducale nel 1570 (diritto riconosciuto già nel 1339). Quando nel 1637 con provvedimento fastoso quanto singolare, Genova si elevò al rango di Regno sotto la sovranità della Madonna fu adottata una corona reale con archi chiusi. Col passaggio ai Savoia la corona fu mutata in una comitale (Decreto di Vittorio Emanuele II del 23 gennaio 1816) poi mutata in ducale nel 1897 (Decreto di Umberto I del 21 marzo 1987) in riconoscimento dei meriti storici trascorsi. Alla base dello scudo si vedono altri simboli legati alla storia della città. Due rostri bronzei di nave romana a testa di cinghiale, richiamo all’antica Genua e ispirati al reperto trovato nel porto nel corso del 1597, conservato oggi all’Armeria Reale di Torino (già nel distrutto Arsenale di Piazza Acquaverde). La conchiglia di San Giacomo ricorda le imprese in Terrasanta (i crociati furono definiti, con un certo cinismo, “pellegrini armati”) e le foglie di palma stilizzate rimandano ai numerosi assedi subiti dalla città, il più famoso dei quali fu il bombardamento da parte della flotta di Luigi XIV per indurre la città ad abbandonare l’alleanza con al Spagna. Note di Massimo Ghirardi San Giorgio era il santo protettore delle truppe bizantine stanziate a Genova in epoche remote. Il culto del Santo rimase anche dopo la l’era bizantina e, in ricordo di un tempo assai più felice, le truppe del comune genovese continuarono a rendere omaggio allo stendardo (la croce di San Giorgio) presso la chiesa bizantina dedicata al Santo patrono. Questo lascerebbe intendere che lo stendardo sia anteriore alle crociate. Dopo la traslazione delle ceneri a Genova San Giovanni Battista fu proclamato Santo patrono della città e come tale venerato. L’antica chiesa, ancora presente, venne riedificata nel XVII-XVIII secolo. Note di Filippo Noceti
Profilo Araldico
“D’argento alla croce di rosso, cimato di corona ducale, col cimiero della testa di Giano bifronte ed i sostegni di due grifoni”.
Stemma ridisegnato

Fonte: Davide Papalini

Reperito da: collaborazione 63516

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Note Stemma

Stemma reperito da Davide Papalini

Gonfalone ridisegnato
Gonfalone Ufficiale
no gonfalone
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

  • Regio Decreto (RD) di concessione – 21/03/1897
    Concessione corona ducale

  • Regie Lettere Patenti (RRLLPP) di riconoscimento – 19/12/1897

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su