Feltre

Informazioni

  • Codice Catastale: D530
  • Codice Istat:
  • CAP: 32032
  • Numero abitanti: 20924
  • Nome abitanti: feltrini
  • Altitudine: 325
  • Superficie: 325
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 15.0
  • Distanza capoluogo: 15.0

Storia dello stemma e del comune

È l’antica FELTRIA dei Romani, che a sua volta deriva dalla precedente FELTHURI (“città di Fel”) e riferita ad una popolazione antichissima connessa agli Etruschi.

Dal 1315 al 1337 è sotto il dominio degli Scaligeri di Verona.

Nel 1404 si sottomette spontaneamente a Venezia alla quale resterà sempre fedele, cosa che causa l’incendio e la distruzione da parte dell’esercito della Lega di Cambrai nel 1510.

Nel 1514 è completamente ricostruita secondo un piano urbanistico d’avanguardia.

Nel 1797 viene conquistata dai Francesi che la governano per breve tempo. Successivamente sarà parte dell’Impero Austriaco fino all’Unità d’Italia.



Note di Massimo Ghirardi


L’arma risale almeno al XIV-XV secolo, il titolo di civitas è invece di età romana.

Nota di Michele Balen
Profilo Araldico
“Di rosso caricato di un castello d’argento chiuso e finestrato di nero, merlato alla guelfa; torricellato di due finestrate di nero. Ornamenti esteriori di Città”.
Stemma ridisegnato

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale
Altre Immagini





Colori dello scudo: rosso
Oggetti dello stemma castello
Attributi araldici: caricato, chiuso, finestrato, merlato alla guelfa, toricellato
Profilo Araldico
“Drappo di filustella colore rosso, orlato di fettuccia dorata, di forma rettangolare, assai allungata e terminato a coda di rondine, caricato dello stemma sopradescritto, con sottocentrato, in oro, il motto: ‘NEC SPE NEC METU'”.
Gonfalone ridisegnato

Disegnato da: Bruno Fracasso

Gonfalone Ufficiale
no gonfalone
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database
Colori del gonfalone: rosso

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

  • Decreto del Capo del Governo (DCG) di riconoscimento – 25/10/1928

  • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) di concessione – 26/10/1952

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su