Comune di Faido (TI)

Informazioni

Storia dello stemma e del comune

Faido (Pfaid o Feit, in tedesco) è il capoluogo del Distretto della Valle Leventina, nella regione delle Tre Valli, dal 12 ottobre 2005 ha inglobato i territori dei soppressi Comuni di Calonico, Chiggiogna e Rossura, mentre dal 1 aprile 2012 quelli di Anzonico, Calpiogna, Campello, Cavagnago, Chironico, Mairengo, Osco; mentre dal 1 gennaio 2017 anche quello di Sobrio.

Il toponimo, probabilmente, deriva dal latino fajetum (“faggeto”).

Lo stemma comunale è ufficialmente blasonato: “Di rosso, alla croce di otto punte d’argento scorciate, sostenente nel canton franco la mano benedicente di Sant’Ambrogio d’argento, anellata d’oro, vestita di porpora”.

Lo stemma è una variazione dello storico emblema della Valle Leventina, alla quale appartiene, e della quale Faido è capoluogo, che ha uno stemma pressoché identico. Per distinguersi da quello la croce è scorciata e tagliata a “coda di rondine” (anche se il blasone ufficiale la definisce semplicemente “A a otto punte”) e la mano benedicente di Sant’Ambrogio di Milano, che testimonia l’antica dipendenza del territorio da quella sede vescovile e comitale, è rappresentata vestita di porpora e nascente dal braccio destro della croce.



Nota di Massimo Ghirardi
Profilo Araldico
“Di rosso, alla croce di otto punte d’argento scorciate, sostenente nel canton franco la mano benedicente di Sant’Ambrogio d’argento, anellata d’oro, vestita di porpora”.
Stemma ridisegnato

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database
Colori dello scudo: rosso
Oggetti dello stemma croce, mano, punta
Attributi araldici: annellato, benedicente, cantonfranco, scorciato, sostenente, vestito

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Torna su