Comune di Celje (CE)

Informazioni

Storia dello stemma e del comune

Celje (Celie, in italiano; Cilli in tedesco e italiano) è la terza città dello Stato, capoluogo della Stiria slovena (Štajerska ). Sorge nlla bassa valle del Savinja, alla confluenza di questo con il Ložnica e il Voglajna.

Lo stemma della città, che ha originato anche lo stemma nazionale nel 1991, mostre le tre stelle d’oro in campo azzurro dei conti di Celje. Fu adottato anche come stemma della Slovenia nel 1918, quando formava il Regno di Jugoslavia, assieme alla Croazia e alla Serbia.

La forma grafica è stata sancita con la “Ordinanza sulla stemma e la bandiera del Comune di Celje” da parte del Consiglio Comunale del Comune di Celje, adottata in occasione della XXIV riunione del 4 febbraio 2014 e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n . 12/2014. In quella si adottò anche a bandiera cittadina.

La città è un insediamento la cui origine si perde nella notte dei tempi, nel periodo celtico aveva nome di Kelea, poi romanizzata in Civitas Celeia, che nel 46 d.C. divenne municipio romano col nome di Claudia Celeia, in onore dell’imperatore Claudio, e si trovava sulla importante via di comunicazione che collegava Aquileja con la Pannonia.

Fiorente colonia, verso il 320 venne incorporata con il territorio di Aquileja nell’impero di Costantino I “il Grande” (272-337).

Subì pesanti devastazioni da parte delle popolazioni nomadi nel V-VI secolo; nel Medioevo è registrata come Cylie nel XII secolo.

Nel XIV secolo ottenne dall’imperatore lo status di “città-mercato” e i diritti comunali a partire dall’11 aprile 1451, per volontà del conte di Celje, Friderik II.

Nel 1473 venne fortificata con mura e fossato.

Alla fine del XX secolo la popolazione era per ¾ di etnia tedesca (nominata in tedesco come Celle o Cilli). L’attuale municipio ha sede nella ex Deutsches Haus, costruita nel 1907 (oggi detta Celjski dom: “la Casa di Celje”).

Alla fine della prima guerra mondiale tutta la Stiria meridionale fu effettivamente assegnata, dal trattato di pace, al Regno dei Serbi-Croati-Sloveni, il che portò alla frizione con la popolazione di lingua tedesca che cominciò ad abbandonare la città verso i territori austriaci.

Nota di Massimo Ghirardi
Stemma ridisegnato

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Colori dello scudo: azzurro
Oggetti dello stemma stella

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Torna su