Comune di Cartosio (AL)

Informazioni

  • Codice Catastale: B847
  • Codice Istat:
  • CAP: 15015
  • Numero abitanti: 817
  • Nome abitanti: cartosiani
  • Altitudine: 230
  • Superficie: 230
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 49.9
  • Distanza capoluogo: 49.9

Storia dello stemma e del comune

Cartosio fu a lungo un feudo dei vescovi-conti di Acqui, del quale vennero confermati da Enrico III nel 1052, assieme a Melazzo, Castelnuovo Bormida, Bistagno, Terzo, Alice, Strevi, Cassine, Gamalero, Cavatore, Foro, Grognardo e sulle terre di San Vigilio. I presuli mantennero il dominio fin verso la fine del XIV secolo.

Nel 1382 Amedeo VI di Savoia investì Antonio Asinari e i figli di un vasto feudo comprendente Belangero, Moasca, San Marzano, Candii, Vesime, San Giorgio, Mombaldone, Montechiaro, Cartosio e Malvicino “con i loro castelli, ville, uomini e loro territori”.

Lo stemma attuale del Comune (concesso con D.P.R. del 17 maggio 1983) è una raffigurazione allegorica della fertilità del territorio ma richiama anche gli emblemi degli antichi feudatari; gli Asinari avevano come arme propria “Di rosso al toro d’oro volto in profilo a destra, nascente dalla campagna di verde seminata di pannocchie di granturco d’oro, fogliate d’argento, accompagnato in capo dal grappolo d’uva d’oro fogliato di due pampini di verde, a destra, e dalla torre d’argento murata di nero, a sinistra”.. Argento e rosso sono anche i colori di Acqui.

Oltre al loro stemma la torre quadra richiama anche quello effettivamente esistente in paese, ultimo avanzi del castello che gli Asinari costruirono nel XVII secolo: “in essa piazza e vicino all’angolo del nord-ovest si innalza una gran torre quadrata, minata nella sommità, che non tralascia però di essere ancora di ben quaranta piedi, sussistono in essa tre volti” (Roffredo).



Nota di Massimo Ghirardi
Profilo Araldico
“Di rosso al toro d’oro volto in profilo a destra, nascente dalla campagna di verde seminata di pannocchie di granturco d’oro, fogliate d’argento, accompagnato in capo dal grappolo d’uva d’oro fogliato di due pampini di verde, a destra, e dalla torre d’argento murata di nero, a sinistra”.

D.P.R. 17 maggio 1983
Stemma ridisegnato

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Fonte: Giovanni Giovinazzo

Stemma Ufficiale
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Colori dello scudo: rosso
Profilo Araldico
“Drappo troncato di verde e di giallo…”
Gonfalone ridisegnato

Disegnato da: Bruno Fracasso

Reperito da: Luigi Ferrara

Gonfalone Ufficiale
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database
Colori del gonfalone: giallo, verde
Partizioni del gonfalone: troncato

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su