Comune di Bugeat (19)

Informazioni

Storia dello stemma e del comune

Bugeat (Bujac in occitano, erede della romana Bugacum che significa ‘territorio della brughiera’) è una località di villeggiatura del Corrèze (Regione Limousin) che proclama la “dolcezza e la salubrità” del suo clima (sul cartello all’inizio del villaggio è riportato “station climatique, altitude 700 m, sites pèche e chasse”) anche attraverso lo stemma civico: nel capo sono riportate due api e un pino.

 

Si blasona: “Gironné d’or et d’azur de huit pièces à la croix de Malte d’argent brochant sur la partition, au chef de gueules chargé d’un sapin arraché d’argent flanqué de deux abeilles au vol ouvert d’or”

(Gheronato d’oro e d’azzurro di otto pezzi, alla croce di Malta d’argento passante sulla partizione, al capo di rosso carico del pino sradicato d’argento fiancheggiato da due api al volo aperto d’oro).

 

Ognuno dei triangoli ottenuti dalla suddivisione dello scudo in croce e in decusse si denomina tecnicamente “gherone”. Si specifica “di otto pezzi” perché la suddivisione in gheroni si può ottenere anche con un numero diverso di linee di partizione.

L’economia della zona era basata sull’allevamento dei montoni e delle trote del Vézère, sul commercio del pregiato miele di bruyère e degli altri prodotti apistici, che spiegano l’adozione del capo con le api, oltre che alla produzione di cereali.

Le due api d’oro simboleggiano anche le due “anime” del paese: tra il XVII e il XVIII secolo il territorio della vasta parrocchia di Buget fu suddiviso in due collettività:

– al sud, la Collecte di Bugeat unita al  Bas-Limousin  comprendente la gran parte del borgo, alcuni piccoli villaggi della parrocchia e governata in co-signoria dai Pompadour conti di Bosse (dal 1765 anche di Treignac) e dal Priore dell’Ospedale dell’Ordine di Malta (che motiva l’adozione della croce  a otto punte nello stemma civico).

– al nord, la Collecte di Bugeat-Ternat, con le località di Gioux, Massoutre e Orlianges, soggetta per la maggior parte al conte de La Feuillade e unita alla regione della Manche.

 

Nota di Massimo Ghirardi

Profilo Araldico
“Gheronato d’oro e d’azzurro di otto pezzi, alla croce di Malta d’argento passante sulla partizione, al capo di rosso carico del pino sradicato d’argento fiancheggiato da due api al volo aperto d’oro”.
Stemma ridisegnato

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Colori dello scudo: azzurro, oro, rosso
Partizioni: capo, gheronato
Oggetti dello stemma ape, croce, pino

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Torna su