Borgo San Lorenzo

Informazioni

  • Codice Catastale: B036
  • Codice Istat:
  • CAP: 50032
  • Numero abitanti: 18191
  • Nome abitanti: borghigiani
  • Altitudine: 193
  • Superficie: 193
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 29.9
  • Distanza capoluogo: 29.9

Storia dello stemma e del comune

Maggior centro di tutto il Mugello, Borgo risiede quasi nel centro della Valle alla destra del fiume Sieve. Il toponimo deriva dal latino “burgus” (centro abitato). Il determinante San Lorenzo deriva dalla presenza di una chiesa plebana intitolata a San Lorenzo, della quale si conserva memoria in un atto rogato nell’anno 941.

Fin dai tempi più remoti il territorio apparteneva in gran parte ai vescovi di Firenze, che vi inviavano un giusdicente, amministratore economico e civile, sotto la protezione della Repubblica fiorentina. Per frenare l’ostilità degli Ubaldini, Firenze cinse di mura Borgo (1351), al tempo in cui venivano erette le Terre nuove di Scarperia e Firenzuola. 

Entrata stabilmente nell’orbita fiorentina, Borgo divenne sede di Podesteria, aggregata al Vicariato di Scarperia.

L’insegna del Comune è ascrivibile a quelle agiografiche: vi si trova infatti raffigurato il santo patrono, che esibisce la palma e la graticola, strumento del martirio.

È curioso notare che nella loggia del Palazzo dei Vicari a Scarperia l’insegna attribuita a Borgo San Lorenzo raffiguri invece san Martino, nell’atto di donare metà del suo mantello al povero. Non sono note le ragioni, l’unica spiegazione plausibile è che si tratti di un grossolano errore del pittore. 



Nota a cura di Michele Turchi


Bibliografia 

– E. Repetti, Dizionario Geografico, Fisico, Storico della Toscana, Firenze 1833-46, I, pp. 543 e segg. 
– L. Passerini, Le armi dei Municipj Toscani. Illustrate dal cav. Luigi Passerini, pubblicate per cura di Angiolo Mariotti incisore, Firenze 1864, p. 21. 
– G.P. Pagnini, Stemmi e gonfaloni della Toscana, in La Toscana e i suoi Comuni. Storia territorio popolazione e gonfaloni delle libere Comunità Toscane, Firenze 1985, p. 378.
– Gli stemmi dei Comuni toscani al 1860, a cura di G.P. Pagnini, Firenze 1991, p. 24.
Profilo Araldico
“D’azzurro al San Lorenzo di carnagione, in maestà, aureolato d’oro, capelluto di nero, con i piedi ignudi poggianti sulla parte mediana della pianura di verde, vestito col camice d’argento e con la dalmatica di rosso, bordata e ornata d’oro, tenente con la mano destra la palma di verde, posta in sbarra curvata, e con la mano sinistra la graticola manicata all’insù, di nero, fermata da quattro ferri verticali e sei ferri orizzontali, posta in palo, fondata sulla pianura, con i quattro sostegni in prospettiva. Ornamenti esteriori da Città”.
Stemma ridisegnato

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Fonte: Michele Turchi

Reperito da: Anna Bertola

Stemma Ufficiale
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Profilo Araldico
“Drappo troncato di verde e di rosso…”
Gonfalone ridisegnato

Disegnato da: Bruno Fracasso

www.radicedidue.com/Toscana

Gonfalone Ufficiale
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database
Colori del gonfalone: rosso, verde
Partizioni del gonfalone: troncato

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

  • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) n. 4785 di concessione – 16/11/1988

  • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) di concessione – 20/06/1988

Torna su