Comune di Bardolino (VR)

Informazioni

  • Codice Catastale: A650
  • Codice Istat:
  • CAP: 37011
  • Numero abitanti: 6750
  • Nome abitanti: bardolinesi
  • Altitudine: 65
  • Superficie: 65
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 36.5
  • Distanza capoluogo: 36.5

Storia dello stemma e del comune

Lo stemma antico di Bardolino rappresenta il leone entro un complesso scudo a “cartoccio”, timbrato dalla corona nobiliare. Il decreto di concessione del 15 dicembre 1981 lo blasona “d’azzurro, al leone rampante d’oro, attraversato da una fascia d’argento”, mentre il bozzetto allegato presenta la fascia “centrata” che, in Araldica, indica una fascia arcuata. Questo “errore” è spiegabile con una non troppo precisa interpretazione del disegno antico, dove la fascia era effettivamente arcuata, ma per un tentativo del disegnatore di dare tridimensionalità alla figura. Riferendoci quindi al blasone “ufficiale” del decreto presidenziale, abbiamo rappresentato la fascia come d’ordinario, cioè rettilinea e orizzontale. Segnaliamo che il Comune ha utilizzato, talvolta, una versione diversa dello stemma: con il toponimo BARDOLINO riportato sulla fascia d’argento, non molto corretto dal punto di vista tecnico, e “timbrato” (vale a dire: sormontato) da una corona di conte (nella versione più antica era molto simile ad una corona regale!). Con evidenza il leone è un riferimento alla Repubblica di Venezia (il blasonista ha specificato che il leone è “rampante”, precisazione non necessario giacché è la sua posizione “naturale” in Araldica, proprio per non confonderlo con il celebre leone marciano di Venezia, che invece è fermo o passante), mentre oro e azzurro sono i colori di Verona. La fascia differenzia lo stemma della città da quello di diverse altre famiglie nobili e, contemporaneamente, assieme al campo azzurro allude al Lago di Garda. Nota di Massimo Ghirardi e Giancarlo Scarpitta Presenze preistoriche vi erano all’altezza di Cisano. Facevano parte della civiltà palafitticola del basso lago di Garda. La presenza umana non è mai mancata nella zona, per avere tracce scritte si deve arrivare all’alto medioevo. Reperti dell’epoca romana sono abbondanti, fra i quali un curioso cippo funerario eretto da un uomo a se stesso mentre era ancora in vita. Si narra delle visita sopra Malcesine di re Pipino ai santi Benigno e Caro, in uno di quei viaggi il re destinò all’abbazia di San Zeno di Verona, la chiesa di San Zeno e tutte le sue pertinenze. Fra l’859 e l’856 vi fu una disputa fra Verona e i paesi del lago. I paesi veronesi del lago divennero una unica entità amministrativa con sede a Garda. È del IX secolo l’edificazione del primo castello, autorizzato da Berengario al fine di costituire mezzi di difesa contro le invasioni, permesso accordato a tutte le comunità del Lago. A Bardolino il castello si ingrandì fino a costituire con gli Scaligeri un unico fortilizio per tutto il paese. Nel XII secolo Bardolino è ricordato come comune autonomo, e risale al 1222 la costituzione, comune a quasi tutti i centri del lago, dei diritti di pesca riservati alle famiglie del luogo. Durante il medioevo e l’età moderna, Bardolino seguì i destini di Verona. Si ricorda che fu il centro della marina veneziana sul lago, che nel 1526 fu saccheggiata e subì il rapimento di propri abitanti a fini di riscatto da parte dei lanzichenecchi. Sotto gli austriaci fu capoluogo del distretto che raggruppava tutti i comuni veronesi rivieraschi. Nel 1848 insorse alle truppe austriache credendo nella vittoria dei piemontesi, ebbe rappresaglie: incendi, saccheggi e fucilazioni. Per questo, nel 1866 Bardolino entrò meritatamente a far parte del Regno d’Italia. Tratto dal sito Wikipedia Statuto comunale Molto probabilmente il toponimo deriva dal personale germanico “Bardilo”. Tuttavia, la leggenda vuole che il nome derivi da “Pardàli” o “Bardàli”, figlia del re Aulete, fratello di Ocno, figlio dell’eroina tebana Manto. Il comune di Bardolino fa parte della Comunità del Garda.
Profilo Araldico
“D’azzurro al leone rampante d’oro attraversato da una fascia d’argento. Ornamenti esteriori da Comune”.
Stemma ridisegnato

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale
Altre Immagini


Colori dello scudo: azzurro
Oggetti dello stemma leone
Pezze onorevoli dello scudo: fascia
Attributi araldici: attraversato, rampante
Profilo Araldico
“Drappo di giallo riccamente ornato di ricami d’argento e caricato dello stemma sopra descritto con la iscrizione centrata in argento: Comune di Bardolino”.
Gonfalone ridisegnato

Disegnato da: Bruno Fracasso

Gonfalone Ufficiale
no gonfalone
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database
Colori del gonfalone: giallo
Profilo Araldico
Sigillo in uso nel 1789.
sigillo ridisegnato
no sigillo

Reperito da: Enrico Stefani

sigillo Ufficiale
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

  • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) di concessione – 15/12/1981

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su