Aprilia

Informazioni

  • Codice Catastale: A341
  • Codice Istat:
  • CAP: 4011
  • Numero abitanti: 70349
  • Nome abitanti: apriliani
  • Altitudine: 80
  • Superficie: 80
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 27.0
  • Distanza capoluogo: 27.0

Storia dello stemma e del comune

Aprilia si trova su di un basso colle, dal quale si vedono i colli Albani, i monti Lepini e il Circeo; Deve il suo nome al fatto che il comune fu istituito nell’aprile del 1936, quarta città dell’Agro Pontino bonificato, ma il nome è anche augurale poiché allude all’“aprirsi” del luogo ad una nuova vita. Il primo bozzetto dello stemma del nuovo centro dell’Agro Pontino fu predisposto da Araldo di Crollalanza, presidente dell’O.N.C. (Opera Nazionale Combattenti), che lo spedì il 2 ottobre del 1937; esso consisteva in uno scudo azzurro su cui erano presenti cinque rondini nere sormontate dal Capo del Littorio, elemento allora prescritto, per gli stemmi civici, dalle leggi in vigore. Il gonfalone, benedetto dal cardinale Granito Pignatelli di Belmonte e dono del Comune di Capannori in provincia di Lucca (uno dei comuni rurali più grandi d’Italia), fu consegnato ad Angela Vacchi Curzola, colona di Aprilia e madre di dodici figli, scelta come madrina della città appena inaugurata, il 29 ottobre dello stesso anno. Lo stemma fu ufficializzato dopo la fine della seconda guerra mondiale, e dopo l’avvenuta eliminazione dei segni del Regime fascista, con decreto del 10 aprile del 1954 a firma del Presidente della Repubblica Luigi Einaudi; nel documento veniva concesso al Comune di Aprilia anche il gonfalone attualmente in uso. Lo stemma è così blasonato: Campo di cielo a cinque rondini di nero al volo spiegato, in formazione di cuneo rovesciato; la sua figurazione vuole richiamare il mese nel quale la cittadina iniziò a sorgere. Il gonfalone ufficiale si presenta come un: “Drappo di colore azzurro, riccamente ornato di ricami di argento e caricato dello stemma sopradescritto con l’iscrizione centrata in argento “Comune di Aprilia”. Nota di Massimo Ghirardi e Giovanni Giovinazzo Bibliografia AA.VV. DIZIONARIO DI TOPONOMASTICA. Storia e significato dei nomi geografici italiani. UTET, Torino 1997. REGIONE LAZIO – STEMMI E SIGILLI, a cura di Corrado Lampe, p. 18, linea editrice, Roma (dopo il 1988).
Profilo Araldico
“Campo di cielo a cinque rondini di nero al volo spiegato, in formazione di cuneo rovesciato”. D.P.R. 14 luglio 1954.
Stemma ridisegnato

Stemma Ufficiale
Altre Immagini




Colori dello scudo: campo di cielo
Profilo Araldico
“Drappo di colore azzurro, riccamente ornato di ricami di argento e caricato dello stemma sopradescritto con l’iscrizione centrata in argento “Comune di Aprilia”
Gonfalone ridisegnato
Gonfalone Ufficiale
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database
Profilo Araldico
“Drappo di azzurro…”
bandiera ridisegnata
bandiera Ufficiale
no bandiera
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su