Comune di Alseno (PC)

Informazioni

  • Codice Catastale: A223
  • Codice Istat:
  • CAP: 29010
  • Numero abitanti: 4897
  • Nome abitanti: alsenesi
  • Altitudine: 56
  • Superficie: 56
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 30.6
  • Distanza capoluogo: 30.6

Storia dello stemma e del comune

Centro lungo la Via Æmilia tra Fidenza e Piacenza, anticamente era SENUM (dal latino, con significato di ‘insenatura, piega’) in riferimento probabilmente ad una ansa di un corso d’acqua o di una valle palustre, donde venne SENO e l’attuale toponimo.

Feudo dei Landi, i quali costruirono il castello, parzialmente riconoscibile nella costruzione quadrangolare all’ingresso del paese, del quale si conosce l’anno di fondazione: 1186, per opera di Siclerio Landi dell’Andito e Savino Visdomini, per il controllo della Via per conto del Comune di Piacenza.

Nel 1405 i Visconti di Milano ne infeudarono i Landi.

Nel corso del XIX secolo l’edificio passò al duce Federico Sforza Fogliani, sposo di Ottavia Landi. Altro centro importante dell’attuale Comune è Castelnuovo Fogliani, denominato in antico Montebello, dove sorge il maniero degli Sforza-Fogliani, sorto come castello per opera dei Della Porta. Anche di quello i Duchi di Milano investirono i Fogliani che lo ricostruirono (da cui il nome di Castelnuovo). Nel XVIII secolo il marchese Giovanni Sforza-Fogliani diede incarico di un ulteriore ricostruzione a Luigi Van Wittel (noto come il Vanvitelli).

Dal 1925, per lascito, è proprietà della Santa Sede.

Ulteriore centro del Comune è Chiaravalle della Colomba, dove sorge la celebre abbazia cistercense fondata da S. Bernardo di Clairvaux nel 1135.

Secondo la tradizione il nome della località ricorda come fosse una colomba a suggerire ai monaci il luogo di fondazione, disponendo sul terreno delle pagliuzze in forma di croce. L’insediamento fu sostenuto, di fatto, dai Pallavicino e dal vescovo di Piacenza e la colomba è probabilmente un simbolo dello spirito santo o alludente al mistero dell’Annunciazione.

Altre frazioni minori sono Lusurasco e Cortina di Alseno.

Lo stemma del comune è stato concesso dal Presidente della Repubblica Giovanni Leone il 21 marzo 1974 ed è così descritto:

“Di verde a tre torri d’argento, merlate alla guelfa, chiuse, finestrate ciascuna di tre in palo murate di nero; quella centrale caricata di due pastorali abbaziali d’oro decussati; il tutto abbassato di un capo partito: a) d’azzurro cuneato d’oro di tre, b) di rosso a tre pali d’argento caricato da una fascia dello stesso. Ornamenti esteriori di Comune”.

Le torri simboleggiano probabilmente i tre centro principali del territorio, posti in un campo di verde: facile allusione all’ambiente circostante tutt’ora caratterizzato da estese coltivazioni. I pastorali si riferiscono all’abbazia di Chiaravalle, i cui imponenti lavori di bonifica sono all’origine dell’attuale ambiente rurale.

Il capo è una semplificazione dell’arma dei Landi, signori di Alseno e della maggior parte dei territori oggi compresi nel Comune omonimo.

L’abbazia di Chiaravalle della Colomba (oggi priorato della congregazione cistercense di Casamari) ha una sua propria arma “parlante”: costituita da una colomba al volo spiegato tenente un ramoscello d’olivo nel becco, su un campo di cielo, talvolta rappresentato con un fondo d’acqua dal quale spuntano erbe palustri, delimitato da monti moventi dai margini e simboleggianti la “chiara valle” del nome.


Note di Massimo Ghirardi


Probabilmente il toponimo deriva dal latino “sinus” (sinuosità, piega, o anche avvallamento) con un riferimento a qualche corso d’acqua o strada. Il nome si è poi evoluto in Alseno per agglutinazione dell’articolo o preposizione “al-“.
Profilo Araldico
“Di verde a tre torri d’argento, merlate alla guelfa, chiuse, finestrate ciascuna di tre, in palo, murate di nero; quella centrale caricata di due pastorali abbaziali d’oro decussati; il tutto abbassato da un capo partito: a) d’azzurro cuneato d’oro di tre, b) di rosso a tre pali d’argento caricato da una fascia dello stesso. Ornamenti esteriori di Comune” D.P.R. 21 marzo 1974.
Stemma ridisegnato
Stemma Ufficiale
Altre Immagini

Colori dello scudo: argento, azzurro, oro, rosso, verde
Partizioni: capo
Profilo Araldico
“Drappo di rosso…”
Gonfalone ridisegnato
Gonfalone Ufficiale
no gonfalone
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su