Comune di Albidona (CS)

Informazioni

  • Codice Catastale: A160
  • Codice Istat:
  • CAP: 87070
  • Numero abitanti: 1481
  • Nome abitanti: albidonesi
  • Altitudine: 810
  • Superficie: 810
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 98.0
  • Distanza capoluogo: 98.0

Storia dello stemma e del comune

Il paese, di origine medievale, trae il suo nome attuale da quello della famiglia Albidona che lo ebbe in feudo nel XIII secolo. Il Padula, tuttavia, avanza una diversa ipotesi, secondo cui Alba e’ la metatesi di Lahab, la fiamma, e Albidona deriverebbe da Alba-don, ossia “la fiamma bassa ed inferiore”, “giacche’ nel prossimo monte, detto Piano di Senese, che in ebreo vale “fango di fuoco”, parrebbe dovesse esistere la fiamma superiore di un altro vulcano” (L. Accattatis, op. cit. pag. 57). Per cio’ che concerne le vicende storiche, dagli Albidona il borgo passo’ dapprima ai Sanfelice e successivamente ai Castrocucco (1453-1776), dai quali per successione femminile divenne dominio dei Mormile che lo tennero fino al 1806. Fra i monumenti vanno citati la chiesa parrocchiale, di origine seicentesca ma assai rimaneggiata in epoca successiva, ed il rudere di una torre di guardia del XVI secolo in localita’ Marina. L’economia si basa soprattutto sull’agricoltura (cereali, olivi, vite) e sulla trasformazione dei prodotti agricoli. Patrono: San Michele (8 maggio) Note di Luigi Prato Il toponimo non e’ di origine chiara anche se dovrebbe derivare dal latino “albidus” (bianco) ed “albedo” (bianchezza). Alcuni studiosi ipotizzano, pero’ che il toponimo derivi dal nome dei primi feudatari del luogo, mentre altri ancora propongono una fantasiosa origine fenicia: visto che nelle vicinanze di Albidona c’e’ una sorgente di acqua sulfurea denominata “fontana fetente”, Alba deriverebbe dalla voce fenicia “Lahab” (fiamma) e Albidona prenderebbe il significato di ‘fiamma bassa ed inferiore’, facendo pensare all’esistenza di un vulcano. Il comune di Albidona fa parte della Comunita’ Montana dell’Alto Ionio. I comuni limitrofi sono: Alessandria del Carretto, Amendolara, Castroregio, Oriolo, Plataci, Trebisacce.
Profilo Araldico
“D’azzurro ad un sole d’oro uscente dal capo e al monte di tre cime d’argento uscente dalla punta. Ornamenti esteriori da Comune” D.P.R. 25 settembre 1980 – Trascritto nel Registro Araldico dell’Archivio Centrale dello Stato 6 novembre 1980
Stemma ridisegnato
Stemma Ufficiale
Altre Immagini

Colori dello scudo: azzurro
Profilo Araldico
Drappo partito di bianco e di giallo…”
Gonfalone ridisegnato
Gonfalone Ufficiale
no gonfalone
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su