Armoriale dei comuni per stato

Scudo con bordo dorato e con sovrastante una corona turrita, anch’essa dorata. Al centro dello scudo di profilo, è rappresentato un vitello bianco col capo rivolto a sinistra in prato verde e fondo azzurro.
Dallo statuto comunale.


Vitulano


Vitulazio

“Di rosso, al luccio d’argento posto in fascia accompagnato in capo da una crocetta patente d’oro e in punta da una riviera fasciata ondata di quattro d’argento e d’azzurro”.


Vitznau

D.R. 16 novembre 1933


Viù

“D’argento al maschio di rosso, merlato di tre pezzi alla guelfa, uscente dalla punta, caricato da una crocetta di San Giovanni del campo, accompagnato da due filetti in palo e sormontato da tre stelle male ordinate, il tutto d’azzurro”


Vivaro

“D’oro, al cespo di rose canine, di verde, fiorito di nove, di azzurro, gli steli accollati in punta dalla vipera di verde, allumata e linguata di rosso, con la testa in banda e la coda in sbarra poste a destra. Sotto lo scudo, su lista bifida e svolazzante, d’oro, la scritta in lettere maiuscole, di nero: COMMUNITAS VIVARII 1807. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. 28 maggio 2010


Vivaro Romano

“D’azzurro a due fasce d’oro; sul tutto una pianta di vite al naturale, fruttata di due di nero, nascente dalle punte, con i rami decussati e ridecussati. Motto: VITIS VITA”.


Viverone

“D’oro, alla croce diminuita di rosso, accantonata da quattro aquile di nero, la prima e la terza rivoltate. Sotto lo scudo, su lista bifida e svolazzante d’oro, la sigla S.P.Q.B. in lettere maiuscole puntate, di nero. Ornamenti esteriori da Città”


Vizzini


Vizzola Ticino


Vizzolo Predabissi