Armoriale dei comuni per stato

/ / Armoriale dei comuni per stato

“D’argento, al lindwurml col capo rivoltato di verde, ignivomo di rosso”.


Wurmannsquick

“Partito: al primo di rosso al collo di cigno strappato d’argento, al secondo dello stesso al leone di nero con la bordura pure di rosso”


Wœrth

“D’argento, alle due chiavi di nero cogli ingegni all’insù poste in decusse, sormontate dalla crocetta dello stesso, alla bordura di nero caricata da undici bisanti d’oro”


Xanten


Xgħajra

“Inquartato: al primo e al quarto d’azzurro alla chiave d’oro e alla spada d’argento posti in decusse; al secondo e al terzo all’aquila di nero accollata dalla corona d’oro”.


Xures

“D’azzurro ai tre scaglioni d’oro”


Y

“Di rosso, a due covoni di grano in capo e due spolette poste in decusse in punta, il tutto d’oro”.


Yvetot

“D’azzurro, alla croce d’oro, alla riviera d’argento in punta attraversante, sulla quale nuotano due cigni al volo spiegato dello stesso, uno in ogni cantone [della punta]”.


Yvoire

“Semitroncato partito: nel PRIMO, di azzurro, al sole d’oro; nel SECONDO, di verde, alle sette spighe di grano d’oro, impugnante, legate di rosso; nel TERZO, di rosso, all’acquasantiera d’argento, effigiata con riferimento a quella esistente nella chiesa della Madonna della Neve, fondata sulla pianura di oro. Ornamenti esteriori da Comune”


Zaccanopoli

“Corona d’argento sovrastante uno scudo troncato che riporta, nella sezione superiore una aquila di colore nero, su sfondo oro, che afferra due grappoli d’uva porpora, e nella sezione inferiore di detto scudo, la
rappresentazione dell’Etna, in verde nella parte inferiore e innevata all’estremità, con eruzione lavica sfiammante verso un campo di cielo in azzurro tenue e colata rossa sul fianco sinistro; il tutto coronato in basso con due fronde, di alloro e di quercia, legate
all’estremità inferiore da nastro tricolore”


Zafferana Etnea