Armoriale dei comuni per stato

R.D. 17 marzo 1930


Vespolate

“Semipartito troncato: il PRIMO, di verde, alla lettera maiuscola V, d’oro; il SECONDO, di rosso, alle tre teste di aglio, poste due, una, di argento; il TERZO, di azzurro, all’olivo di verde, fustato al naturale, fruttato di sei, di nero, nodrito nella pianura diminuita, di verde. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. 2 marzo 2007


Vessalico

Tre pesci.

dallo statuto comunale


Vestenanova

Stemma raffigurante Dama che porge una cornucopia coronata da erbe e fiori e riempita di frutta, simbolo di abbondanza e prosperità.


Vestignè


Vestone

“D’azzurro alla vite con pampini e grappoli accollata ad un palo terrazzato di verde”.


Vetralla

“Troncato: il 1° d’oro, partito: a) ad un’aquila di nero col volo abbassato coronata del primo; b) a due forcelle di nero in croce di Sant’Andrea; il 2° campo di cielo ad una catena di monti caricata da un torrente e da un ponte di un’arcata; il tutto al naturale”.

D.P.R. 25 giugno 1981


Vetto

“Partito d’oro e d’azzurro, a due lettere V intrecciate dell’uno all’altro”


Vevey

“D’azzurro al leone d’oro rivoltato tenente un ramo d’alloro di verde con le branche anteriori, accompagnato nel cantone destro del capo da un’ape pure d’oro al volo spiegato”.


Vezza d’Alba


Vezza d’Oglio