Armoriale dei comuni per stato

/ / Armoriale dei comuni per stato

“D’argento alla banda d’azzurro caricata di un castello torricellato di un pezzo, di rosso, aperto e finestrato. Ornamenti esteriori da Comune”.

 

D.P.R. 23 febbraio 1952


Bistagno


Bisuschio

“D’azzurro, alla vite sradicata, al naturale, fogliata di sette, di verde, fruttata di sei, di porpora, posta a destra, e al liocorno, ritto, d’argento, posto a sinistra, il tutto sormontato dalla stella di sette raggi, d’argento, posta in capo”.

D.P.R. 23 aprile 1988


Bitetto

“Albero d’ulivo, radicato su un verde prato, due leoni di oro, con la lingua lunga e sottile fuori la bocca e con la coda sollevata, affrontati all’albero d’ulivo; cinque storni appollaiati o svolazzanti sulla chioma dell’albero fruttifero; il tutto su un campo bianco. Motto: Ad pacem promptum designat oliva botontum”.

 

D.P.C.M. 25 giugno 1965


Bitonto

“D’azzurro, terrazzato di verde, alla chiesa affiancata dalla torre campanaria a sinistra, e da una torre militare di tre ordini a destra, il tutto al naturale; al Capo del Littorio che e’: di rosso (porpora) al Fascio Littorio d’oro circondato da due rami di quercia e di alloro, annodati da un nastro dai colori nazionali. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.C.G. 26 marzo 1935

Il capo e’ stato abraso alla caduta del fascismo


Bitritto

“D’azzurro, al torrione quadrangolare, a guisa di piramide tronca, visto di spigolo, volto verso il fianco destro, d’oro murato e chiuso di nero, fondato sulla pianura di verde, sormontato dalla lettera maiuscola B, d’oro, e accompagnato da due stelle di otto raggi, dello stesso, poste nei cantoni del capo. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. 27 aprile 1994


Bitti

Scudo recante al suo interno due rami intrecciati di quercia e di ulivo e da uno stemma, sormontato da una corona, raffigurante nella parte superiore una mezza luna calante e nella parte inferiore un granchio.
Tratto dallo statuto comunale.

Dallo Statuto Comunale.


Bivona

“D’azzurro, al monte verde, sostenente la Croce del Calvario pomata, di porpora, fondato in punta, solcato dal fiume d’azzurro fluente in banda”.


Bivongi

“Troncato: nel primo calzato di verde, alla rosa dei venti raggiata di otto, i lunghi d’argento, i corti di rosso; nel secondo di rosso al cavallo d’argento, imbrigliato e someggiato d’un basto con due sacchi, poggiante sulla campagna diminuita d’argento”


Bizzarone

“Di vaio, caricato da un crescente di rosso”.


Blain