Armoriale dei comuni per stato

/ / Armoriale dei comuni per stato

Trivignano Udinese

D.P.R. 30 luglio 1984


Trivigno

“Troncato: nel PRIMO, di verde, alla campana d’oro, legata di argento, accompagnata nei cantoni da quattro stelle di otto raggi, d’oro; nel SECONDO, di azzurro, alla melagrana al naturale, aperta e granita di rosso, gambuta di verde, il breve gambo reciso e munito di due ramoscelli, uno e uno, ciascuno fogliato di sei, di verde, cimata dalla croce latina, d’oro, raggiante dello stesso. Ornamenti esteriore di Comune”.

D.P.R. 2 gennaio 1993


Trivolzio

“Fasciato d’argento e di rosso, al pastorale ed arpione del martirio d’oro, posti in decusse, attraversanti due palme di verde, la prima in banda e la seconda in sbarra, alla mitra d’oro posta sul tutto”


Trodena

“D’argento, alla croce di rosso accantonata da quattro mori affrontati”


Trofarello

Scudo, in campo azzurro, contenente un vaso panciuto in oro, cimato da cinque serpenti d’argento, linguati ed allumati di rosso, ondeggianti in palo, moventi dalla imboccatura del vaso, due a destra con la testa volta verso destra, due a sinistra con la testa volta verso sinistra, uno centrale con la testa volta verso sinistra, decorato in fascia di foglie di alloro, il tutto sormontato da una corona in oro a cinque torri e dalla sovrastante scritta “Città di Troia”.

 

Tratto dallo statuto comunale


Troia

“Scudo modello sannitico moderno con il fondo azzurro su cui campeggia un castelletto rosso a tre torri merlate alla guelfa, con la mediana più alta rispetto alle altre due, che poggia su un piano gradinato a tre con un cane passante campito d’argento. Lo stemma è ornato, in alto, con una corona di Comune ed, ai lati, con un ramoscello di quercia a sinistra, che si congiungono allacciati da un cordoncino di colore marrone alla base dello scudo”


Troina

“Scudo perato, d’argento alla croce di rosso. Ornamenti esteriori di Comune”.

D.C.G. 25 luglio 1926


Tromello


Trontano

“Partito: nel primo d’argento alla torre d’azzurro, merlata alla guelfa di tre (visibili un merlo e mezzo), movente dalla partizione, fondata sulla pianura d’azzurro, caricata dalla sbarra abbassata di rosso; nel secondo d’azzurro al leone d’argento coronato all’antica d’oro. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. 15 luglio 1983


Tronzano Lago Maggiore