Armoriale dei comuni per stato

“D’azzurro, alla figura dell’imperatore Traiano, armato alla romana al naturale, impugnante una spada d’argento, guarnita d’oro, col motto: AUG: TRAIANUS IMP.”

D.Ric. 26 maggio 1935


Triggiano

“D’argento ai due pali d’azzurro e alle tre stelle di sei raggi, dello stesso, ordinate in palo tra i due pali. Ornamenti esteriori di Comune”.


Trigolo

Decreto di Emanuele Filiberto del 15 Aprile 1561

« …Uno scudo diviso in due parti et ne la superior parte vi siano sei basse per sbrego intermezzate delle quali tre siano bianche o vero d’argento et le altre tre turchine, o sia d’azurro et in mezzo de la parte inferiore d’oro o vero di color giallo vi sia una Colomba bianca o vero d’argento et meglio come si rimostra dipinta in questo priuillegio, et la quale Arma o sia Insegna »


Trinità

“Inquartato: il PRIMO, di argento, alla croce di rosso; il SECONDO, di azzurro, alla torre di argento, murata di nero, merlata alla guelfa di quattro, finestrata con finestrella tonda di nero, chiusa dello stesso, fondata sulla campagna di verde; il TERZO, di cielo, alla tartana rivolta, con lo scafo di rosso, le vele di argento, le alberature di nero, navigante sul mare di azzurro, mareggiato di argento; il QUARTO, d’oro, al grappolo d’uva di porpora, unito al tralcio al naturale, posto in fascia, pampinoso di due di verde. Ornamenti esteriori da Comune”.


Trinità d’Agultu e Vignola

“Di azzurro, alla banda d’argento accompagnata in capo dall’occhio nel triangolo raggiante, d’oro, simbolo della Santissima Trinità; in punta da una torre fondata sugli scogli, merlata alla ghibellina, il tutto d’argento, banderuolata di rosso col drappo carico di una Croce di Malta, ottagona, d’argento”.


Trinitapoli


Trino

“D’azzurro al cerbero d’argento. Ornamenti esteriori da Comune”.


Triora

“Di argento, al castello di rosso, mattonato di nero, merlato alla ghibellina, le due torri ognuna di tre, il fastigio di cinque, il castello chiuso di nero, finestrato di tre finestrelle tonde, di nero, una sormontante la porta, due nelle torri, il castello fondato sulla collina trapezoidale, di verde, fondata in punta; il tutto con la bordatura di azzurro, caricata da otto bisanti d’oro, quattro negli angoli, due centrali, in capo e in punta, due a mezza altezza a destra e a sinistra. Ornamenti esteriori da Comune.”

D.P.R. del 22 giugno 2005


Tripi


Trisobbio

“Di azzurro alla montagna di tre cime di verde, terrazzata pure dello stesso, su riviera d’argento, movente dalla punta, la montagna cimata di un castello al naturale addestrato e sinistrato di due agnelli affrontanti e passanti sulla pianura d’oro. Lo scudo sarà fregiato di ornamenti da Comune”

R.D. 10 giugno 1929


Trissino