Armoriale dei comuni per stato

“D’oro al ciliegio di verde, fruttato di quindici, di rosso, il tronco attraversato dalla vacca ferma, pezzata di argento e di nero, il ciliegio nodrito e la vacca sostenuta dalla pianura di verde, il tutto accompgnato nel canto destro del capo dalla stella di sei raggi, di azzurro. Ornamenti esteriori di Comune”.

D.P.R. 8 novembre 1993


Berzo San Fermo

“D’argento, al castello torricellato di due pezzi di rosso, merlato alla ghibellina, aperto e finestrato del campo, murato di nero”.

D.P.C.M. 30 dicembre 1928


Besana in Brianza

“D’oro, all’aquila di nero tenente con gli artigli due colonne di rosso attraversanti sulle ali”.


Besançon

“Troncato: nel primo, d’argento alla stella di sei raggi d’oro; nel secondo di rosso, alle due sbarre d’oro, al capo d’oro, caricato dalle due sbarre d’azzurro; il tutto sotto il capo troncato di rosso e d’azzurro, merlato alla guelfa all’ingiù di tre pezzi. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. 2 ottobre 1995


Besano

“Troncato: nel 1° d’azzurro all’aquila spiegata d’oro, posata sulla partizione; nel 2° di rosso a tre scaglioni d’argento. Ornamenti esteriori di Comune”.

D.P.R. 23 marzo 1954 – Registrato alla Corte dei Conti il 10 luglio 1954, Reg. 93, Foglio 232).


Besate

“D’azzurro a quattro bocce d’argento disposte 2,2”.

 

D.P.G.P. di Trento n. 12898 del 20 novembre 1987


Besenello

“Troncato: nel 1°, di rosso, alla fenice sulla sua immortalità, di oro, le fiamme uscenti dalla linea di partizione; nel 2° di nero pieno”.

D.P.R. 13 gennaio 1994


Besenzone

” D’oro al biscione al naturale ingollante un putto di carnagione, accompagnato in capo da due imprese, ciascuna formata di tre anelli di rosso, intrecciati e male ordinati, poste in fascia”

D.P.R. 25 agosto 1953


Besnate

D.P.R. 26 febbraio 1957


Besozzo

“Di rosso al leone di oro tenente un giglio di Francia dello stesso; al capo di azzurro caricato di tre gigli di Francia di oro”


Bessan