Armoriale dei comuni per stato

/ / Armoriale dei comuni per stato

San Biagio della Cima


San Biagio di Callalta

“Troncato, nel primo d’oro al leone di nero nascente dalla partizione, caricato di una stella d’argento e sormontato da un lambello di rosso a tre pendenti; nel secondo scaccato di rosso e d’argento, partito di otto, e spaccato di quattro”.


San Biagio Platani


San Biagio Saracinisco

D.P.C.M. n° 8, foglio n° 226 dell’8 novembre 1976


San Biase

“Inquartato: nel primo e nel quarto d’azzurro alla stella di sei punte d’oro, il secondo e il terzo palato di nero e d’argento; al capo d’azzurro alla croce piana d’oro [che e’ di Verona]”

Nostro blasone


San Bonifacio

“D’oro, al leone di azzurro, linguato e allumato di rosso, sormontato dalla corona di azzurro, formata dal cerchio cimato da quattro fioroni, tre visibili, alternati a quattro punte, due visibili, esso leone attraversante la fascia diminuita di rosso. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. 11 settembre 2001


San Buono

Fasce colore azzurro e rosse con mucca in rilievo.

dallo statuto comunale


San Calogero

“Di rosso, alla torre di due palchi merlati alla ghibellina d’argento fondata su una campagna di verde, aperta di nero e saracinescata d’argento, finestrata sotto il secondo palco di tre dello stesso 1.2, caricata sotto il primo palco d’uno scudetto d’azzurro bordato d’oro alla testa di moro al naturale, orecchinato e collarinato di rosso, coronato d’un diadema d’oro (che è brisure della Diocesi di Frisinga)”.


San Candido

“D’oro alle tre croci rosse. Capo del Littorio: di rosso (porpora) al fascio littorio d’oro circondato da due rami di quercia e d’alloro annodati da un nastro dai colori nazionali. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.R. 21 agosto 1937


San Canzian d’Isonzo