Armoriale dei comuni per stato


Ponte

“Partito: al primo di Borgo a Buggiano, che è d’argento, al bue di rosso, fermo sulla campagna di verde, sormontato da un giglio di rosso; al secondo troncato di argento e di rosso, al giglio sbocciato dall’uno all’altro. Motto: Bujano e Castro nomen originemque desumpsi”

R.D. 19 ottobre 1897


Ponte Buggianese

“D’azzurro, al ponte ad otto arcate d’oro, gettato da un fianco all’altro dello scudo e movente dalla punta, sormontato da una stella a cinque raggi d’argento”.

Tratto dallo “Stemmario della Regione Emilia-Romagna”.


Ponte dell’Olio

“D’oro, al ponte di legno al naturale, movente dalla punta dello scudo. Capo d’azzurro, la leone di S. Marco, non diademato, d’oro, posto sopra la partizione”.

D.R. 20 dicembre 1928.


Ponte di Legno


Ponte di Piave

“D’azzurro alla fascia innestata d’argento e di rosso”.


Ponte Gardena

“Di rosso, al canton franco di verde, alla croce patente scorciata d’oro attraversante sul tutto. Ornamenti esteriori da Comune”


Ponte in Valtellina

“D’argento al ponte fondato nella pianura erbosa sorpassante un fiume ed accostato a sinistra da una pianta, il tutto al naturale. Ornamenti esteriori da Comune”.


Ponte Lambro

“D’azzurro, al ponte d’argento sotto il quale scorre al naturale un fiume, posto innanzi ad una catena di tre monti, pure al naturale, quello del centro, sovrastante il ponte, più basso, cimato di tre torri di rosso”.
D.R. 13 novembre 1928.


Ponte nelle Alpi

“D’azzurro ad una montagna di tre vette d’oro, dalla vetta centrale un torrente d’azzurro sormontato da un ponte d’argento di una arcata; il torrente è caricato da tre pesci, e accostato da due pezze di verde; il tutto abbassato ad un capo partito: A) d’azzurro ad una abbazia d’argento con il tetto di rosso; B) troncato: a) di rosso; b) di oro, il tutto caricato da un ramo secco d’argento. Ornamenti esteriori di Comune”.

D.P.R. 4 maggio 1983


Ponte Nizza