Armoriale dei comuni per stato

Un’aquila poggiata su un elmo romano sullo sfondo di una collina; il tutto è incorniciato da un ornamento ovale, con agli estremi due ramoscelli d’ulivo, con in basso ai lati due scuri romane, che finiscono nella parte terminale per incrociarsi con dei grappoli d’uva; un fregio che rappresenta un antico torrione sormonta il tutto


Piglio

“Di rosso a due bande d’argento, caricata ciascuna da una pigna al naturale. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. 06 dicembre 1968


Pigna

“Di azzurro, al castello a due torri d’argento, mattonato di nero, accompagnato in capo, a destra da uno scudo di rosso caricato da una croce inchiavata, vuotata e pomellata di oro, a sinistra da uno scudo di oro ai quattro pali di rosso e, in punta da un pino di oro”.


Pignan


Pignataro Interamna


Pignataro Maggiore


Pignola

“D’argento alla pigna, col tralcio fogliato a sinistra, al naturale. Ornamenti esteriori di Comune secondo la popolazione”.


Pignone

“D’oro ad un monte all’italiana di tre vette di verde uscente dalla campagna d’azzurro, il tutto sormontato da un’aquila di nero dal volo spiegato. Ornamenti esteriori da Comune”.


Pigra


Pila

“Di rosso, ai due leoni d’oro, linguati e allumati di rosso, affrontati, reggenti con entrambe le zampe anteriori il medaglione ellittico di azzurro, caricato dalla lettera maiuscola P, d’oro; al capo partito d’oro e di azzurro. Ornamenti esteriori da Comune”.


Pimentel