Armoriale dei comuni per stato

/ / Armoriale dei comuni per stato

“Di azzurro, alla effigie di San Vittore, aureolato d’oro, viso, collo, braccia, gamba di carnagione, con l’elmo e la corazza di acciaio al naturale, l’elmo ornato da piume di rosso, con il manto dello stesso sventolante a destra, con le calighe di cuoio al naturale, il Santo tenente con la mano sinistra l’asta di argento del vessillo bifido, dello stesso, sventolante a destra e caricato dalla crocetta di rosso, il Santo cavalcante il cavallo rivoltato, di baio al naturale, i finimenti di nero, la sella di verde, il cavallo con tre arti attraversanti la pianura di verde, l’arto anteriore destro alzato; il tutto accompagnato nel cantone sinistro del capo dall’ombra di sole, d’oro. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. 24 novembre 2008


Otricoli


Ottana


Ottati

“D’azzurro, alla quercia di verde, fustata e sradicata al naturale, ghiandifera di nove, di rosso. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. 19 settembre 2012


Ottaviano


Ottiglio

“Troncato: nel 1° partito, troncato, trinciato, tagliato di rosso e d’oro; nel 2° d’azzurro alla fascia contro merlata d’argento caricata di quattro trifogli al naturale. Ornamenti esteriori di Comune”.


Ottobiano

“Troncato semipartito: il primo d’oro all’aquila di nero;il secondo d’azzurro a due torri d’argento murate di nero, merlate alla ghibellina; il terzo d’argento ad una testa di carnagione posta di fianco e coronata d’oro all’antica”.

D.P.R. 9 marzo 1982


Ottone

«D’azzurro allo scaglione rialzato d’argento, accompagnato nel cantone destro del capo da tre api volanti verso l’angolo dello scudo, nel cantone sinistro del capo da una stella rivoltata [alias: Posta in sbarra], in punta da un covone legato di rosso e posato su una campagna, il tutto d’oro».


Oucques

“Interzato in palo: il primo di rosso a tre mezzi leopardi d’oro passanti l’uno sull’altro e moventi dal fianco sinistro, il secondo pure di rosso e due mezzi leopardi d’oro passanti l’uno sull’altro e moventi dal fianco destro; il terzo d’oro al leone di nero caricato da un pastorale del campo; al capo d’azzurro caricato da un drakkar, addestrato da una conchiglia e sinistrato da una stella a sei punte, il tutto d’argento”


Ouistreham

“Partito di bianco e di rosso, alla croce greca trifogliata, di rosso in campo bianco e di bianco in campo rosso”


Oulx