Armoriale dei comuni per stato

“Scudo in campo d’oro con la figura di S. Ulrico, vestito dagli ornamenti vescovili, che tiene in alto nella mano destra una croce d’oro, montato su un cavallo bianco coi finimenti d’oro e coperto di un drappo azzurro, poggiato sopra tre cime di montagne verdi. Sopra lo scudo una fascia d’azzurro caricata di tre scudetti di argento, equidistanti ed intercalati da due svolazzanti api d’oro”.

“Ein goldener Schild mit einem blauen
Schildeshaupte. Das Schildeshaupt zeigt drei
nebeneinander gestellte silberne Schildlein, deren
mittleres beiderseits von je einer schwebenden
goldenen Biene begleitet wird. Auf
einem sich aus dem Fußrande des Schildes
erhebenden grünen Dreiberge reitet der heilige
Ulrich in rotem bischöflichem Ornate, ein
goldenes Kreuz in der Rechten emporhaltend
auf einem galoppierenden, weißen, goldgezäumten,
mit einer blauen Satteldecke bedecken
Rosse”


Ortisei

“D’argento al castello triturrito di rosso, merlato alla guelfa e chiuso d’argento sul mare d’azzurro.Ornamenti esteriori di Comune”.


Ortona

“D’azzurro, alla quercia di verde, fustata al naturale, ghiandifera di cinque, d’oro, nodrita nella collina tondeggiante, di verde, fondata in punta e unita a due colline di verde, una a destra, l’altra a sinistra, ugualmente fondate e tondeggianti, con i declivi celati dalla collina centrale. Ornamenti esteriori da Comune”


Ortona dei Marsi

D.P.R. 9 maggio 1997


Ortovero


Ortucchio

“Partito semitroncato: il PRIMO, di azzurro, alla pianta di vite, al naturale, pampinosa di tre di verde, fruttata di tre, di porpora, nodrita nel colle centrale del monte all’italiana di tre colli, d’oro, fondato in punta; il SECONDO, di rosso, alla mitria d’oro, munita delle infule, dello stesso, svolazzanti all’ingiù; il TERZO, di verde, alle quattro api d’oro, poste due e due. Sotto lo scudo su lista bifida e svolazzante di azzurro, il motto, in lettere maiuscole di nero, LAETUS HORTUS HERILIS. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. 14 febbraio 2008


Ortueri

“D’azzurro, al toro di argento, fermo sulla pianura di verde, attraversante la quercia da sughero con la chioma di verde e il tronco al naturale, essa quercia nodrita nella pianura; il tutto accompagnato dal sole orizzontale destro, d’oro. Ornamenti esteriori da Comune”.


Orune

“Inquartato: nel PRIMO una croce rossa in campo d’argento; nel SECONDO un’aquila nera, coronata d’oro; nel TERZO un leone rampante, tenente una spada d’argento con la zampa destra e le chiavi di San Pietro con la sinistra; nel QUARTO un’oca avente una palla nella zampa destra”

D.P.C.M. del 2 maggio 1929.


Orvieto

D.P.R. 4 febbraio 1993


Orvinio

“Troncato d’argento e d’azzurro. Ornamenti esteriori da Comune. Cimiero: un drago uscente dalla corona turrita spiegato di verde, linguato e spiegato di rosso, attraversato nella bocca da una lancia al naturale col ferro d’argento sanguinoso in punta”.


Orzinuovi