Armoriale dei comuni per stato

/ / Armoriale dei comuni per stato

D.P.R. 6 ottobre 1953


Bagnaria Arsa

“D’oro, al castello di rosso, mattonato di nero, munito della torre centrale, merlato alla guelfa, il fastigio di sette, la torre di cinque, esso castello finestrato di nero di due , una nella torre, l’altra nel corpo del castello, chiuso dello stesso, fondato in punta, attraversante la sbarra diminuita, di azzurro. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. 28 settembre 2007


Bagnasco

“D’argento all’aquila d’azzurro dal volo abbassato. Ornamenti esteriori di Comune”.

D.P.R. 17 settembre 1962


Bagnatica

“D’oro, alla ruota dentata di nero, infiammata in capo di rosso, caricata dall’alambicco d’argento, accostata da due api operaie volanti di rosso, sostenuta ciascuna da una cinquefoglie di verde, il tutto accompagnato in punta dalla gemella ondata dello stesso, alla mezza ruota di mulino di nero nascente dalla gemella di punta e passante sull’altra, le gemelle accompagnate in capo e in punta da due fasce ridotte di nero”.


Bagneaux-sur-Loing

“Inquartato: nel primo e quarto, d’azzurro alla banda d’oro caricata dalla parola “Libertas”; nel secondo e terzo, troncato d’argento e di rosso”


Bagni di Lucca

“D’azzurro a leone d’oro collarinato d’argento, impugnante con le zampe anteriori cinque fiori di rosso, gambuti e fogliati di verde, posti a ventaglio, appoggiante la zampa destra posteriore sulla balestra d’argento, rovesciata, posta in banda, sormontato dalla tiara e dalle chiavi pontificie, la tíara, d’argento con il globo crociato e le tre corone d’oro, munita delle due infule di rosso, foderate e frangiate d’oro, svolazzanti in fascia, le chiavi d’oro e d’argento, decussate, con gli ingegni all’insù, e accompagnate a destra dalla stella d’oro di otto raggi. Ornamenti esteriori da Comune”.


Bagno a Ripoli

“D’argento, alla torre di due palchi, di rosso, mattonata di nero, merlata alla guelfa, il palco inferiore di cinque, quello superiore di quattro, il palco inferiore chiuso di nero, quello superiore finestrato di uno, dello stesso, essa torre fondata sulla pianura convessa, di verde”.

D.P.R. 5 aprile 1995


Bagno di Romagna

“Di azzurro, ai tre colli all’italiana, uniti, il colle centrale più alto e più largo, fondati in punta, di verde; essi colli accompagnati in capo da tre stelle di sei raggi, ordinate in fascia, d’argento. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. 27 febbraio 2009


Bagnoli del Trigno

“Di rosso al grappolo d’uva rossa al naturale, pampinoso di due di verde e gambuto al naturale, posto nel punto d’onore, accompagnato in punta da tre spighe di frumento, gambute e fogliate d’oro, ordinate in palo una accanto all’altra. Sotto lo scudo su lista bifida e svolazzante di rosso, il motto: “EX HUMO PROSPERITAS” in caratteri lapiadari romai d’oro. Ornamenti esteriori da comune”.


Bagnoli di Sopra

“Un cigno che si bagna in una fontana”.

Tratto dallo statuto comunale.


Bagnoli Irpino