Armoriale dei comuni per stato

/ / Armoriale dei comuni per stato

Ono San Pietro

“Troncato semipartito: nel primo semipartito di verde, ai dieci fusi d’oro posti in due fasce, in due fasce, cinque e cinque; nel secondo, di azzurro ai tre abeti di verde, fustati al naturale, nodriti nella pianura di verde; nel terzo, di rosso, alla pecora d’argento, con la testa rivoltata, riposante sulla pianura di verde. Sotto lo scudo, su lista bifida e svolazzante di verde, il motto, in lettere maiuscole di nero: “ANTE OMNIA HONOS”. Ornamenti esteriori di Comune”.

D.P.R. 21 marzo 1997


Onore

“Partito: nel primo interzato in fascia: a) d’argento alla croce di rosso; b) bandato di rosso e d’oro di dieci pezzi; c) d’oro al capo d’azzurro; nel secondo d’argento al ramoscello d’ulivo resciso, fogliato e fruttato di verde. Ornamenti esteriori da Comune”

Blasonatura di Giancarlo Scarpitta


Onzo

“D’azzurro, al fascetto di cinque spighe di grano d’oro aperte a ventaglio, accostate in capo da tre stelle (6) pure d’oro, male ordinate. Ornamenti esteriori da Comune”

D.P.R. 30 dicembre 1956


Opera

D.P.R. 26 dicembre 1963


Opi

“Partito, il primo d’azzurro alla mezza aquila reale d’oro nascente dalla linea di partizione, nel secondo pure d’azzurro alla mezza croce trifogliata d’oro, uscente dalla linea di partizione. Lo scudo timbrato alla corona murale d’oro con cinque torri (corona di città)”


Opole

“D’argento alla torre di rosso murata e finestrata di nero, merlata di quattro alla ghibellina e cimata di un alberello al naturale; il tutto fondato su campagna di verde. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. 6 dicembre 1976


Oppeano

“Di oro, al lupo rapace al naturale. Ornamenti esteriori da Comune”.


Oppido Lucano

“D’oro, al torrione scalinato di due, di rosso, mattonato di nero, chiuso con alta porta, dello stesso, torricellato di tre torricelle merlate alla guelfa di tre, quella centrale più alta e più larga, esso torrione con il fastigio privo di merli, finestrato di cinque finestrelle tonde, di nero, tre nelle torricelle, due accanto alla sommità della porta, una e una. Ornamenti esteriori da Comune”.


Oppido Mamertina

“Troncato d’argento e di rosso al leone rampante rivoltato dell’uno nell’altro. Il tutto sotto un colmo d’azzurro caricato di due chiavi d’oro poste in decusse”.


Ora