Armoriale dei comuni per stato

/ / Armoriale dei comuni per stato

D.P.R. n. 5122 del 12 ottobre 1987


Monteleone Rocca Doria


Monteleone Sabino

“Di rosso all’aquila di nero. Ornamenti esteriori da Comune”.


Montelepre


Montelibretti

“Di rosso al globo del mondo cucito d’azzurro, cerchiato e cintato d’argento bordato d’oro e crocettato dello stesso”.


Montélimar

“D’azzurro, nel capo tre stelle ordinate in fascia a cinque punte smaltate d’oro e, nella punta, tre monti accostati smaltati di verde”.

Dallo statuto comunale


Montella

“Troncato, semipartito: nel Primo di porpora, alla muraglia d’argento, murata di nero, uscente dai fianchi e fondata sulla linea di partizione, merlata con il merlo alla ghibellina, con i tagli ritondati, centrale, e con due semimerli laterali ugualmente alla ghibellina, e con i tagli ritondati; nel Secondo, di azzurro, alle tre montagne d’oro, conle vette poste in banda, la montagna inferiore fondata in punta e uscente dalla linea di partizione, la montagna mediana uscente dal fianco e fondata in punta, in parte celata dalla montagna inferiore; la montagna superiore uscente dal fianco e in parte celata dalla montagna mediana; nel terzo di rosso, al ponte di tre archi, l’arco centrale più alto e più largo, con l’impalcato convesso verso l’alto, esso ponte d’argento, murato di nero, fondato sulla campagna di azzurro, fluttuosa d’argento. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. 22 aprile 1998 – Registrato nei registri dell’Ufficio Araldico il 10 giugno 1998 – Reg. anno 1998 Pag. n. 60.


Montello

“Di azzurro, alle tre frecce d’oro, con le punte all’insù, impugnate, legate dal nastro svolazzante e bifido, di rosso. Ornamenti esteriori da Comune”


Montelongo

Scudo con sopra impresso S. Michele Arcangelo con in pugno spada e bilancia, e due chiavi incrociate.

Dallo statuto comunale


Montelparo

“Di vaio, al palo fusato di argento e di nero”.


Montels