Armoriale dei comuni per stato

/ / Armoriale dei comuni per stato

D.P.R. febbraio 2001


Minerbe

“D’oro alla figura della Dea Minerva in maestà nascente dalla punta, capo d’azzurro a tre gigli d’oro posti in fascia. Motto: JUSTITIA ET FORTITUDO”

 


Minerbio

“Di rosso a una torre torricellata di tre pezzi d’argento su di una roccia di azzurro”.


Minerve

“D’azzurro, alla Minerva rivoltata di carnagione, vestita con ampio peplo e diademata d’oro, impugnante con la sinistra uno scudo ed una lancia e con la destra una penna d’oro, il tutto al naturale. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. 26 marzo 1968


Minervino di Lecce

“D’azzurro, alla Dea Minerva, armata di elmo, corazza, scudo e lancia d’argento, clamidata di rosso accompagnata da civetta nel cantone destro della punta”.


Minervino Murge


Minori

“Di rosso, al castello a tre torri merlato alla guelfa, fondato su una campagna di verde”.

Decreto del 20 settembre 1934.


Minturno

“D’argento alla torre di rosso, aperta del campo, fondata sulla campagna di verde, cimata da un braccio al naturale, tenente una spada posta in sbarra”


Minucciano

“Troncato, semipartito. Il primo d’azzurro ai due leoni affrontati d’oro afferranti con le zampe la lettera capitale M dello stesso e sostenuti dalla linea di partizione; il secondo d’oro ai 5 pali di rosso; il terzo di verde alle due api d’oro ordinate in palo. Ornamenti esteriori da Comune”.


Mioglia

“Scudo d’argento a tre ghirlande d’olivo, di verde, fruttate dello stesso, legate di rosso, due ed una, intrecciate; colla bordatura di rosso: lo scudo accostato da due rami di palma di verde decussati sotto la punta e legati d’azzurro, e cimato da una corona formata da un cerchio di muro d’oro aperto da quattro porte e merlato di cinque pezzi dello stesso, uniti da muricciuoli d’argento”

R.D. 20 settembre 1868


Mira