Armoriale dei comuni per stato

/ / Armoriale dei comuni per stato

“Un cavallo bianco senza freno trottante, su prato verdino, foglie di quercia verde, giglio angioino color oro, il tutto sormontato dalla corona turrita della città in campo azzurro “.


Martina Franca

“D’oro, all’aquila dal volo abbassato, di rosso, linguata dello stesso, allumata, rostrata, armata, di nero, coronata con corona all’antica di tre punte visibili, di azzurro. Sotto lo scudo, su lista bifida e svolazzante d’oro, la scritta, il lettere maiuscole di nero, MAGNIFICA COMMUNITAS MARTINENGHI. Ornamenti esteriori da Città”.

D.P.R. 30 luglio 2012


Martinengo

“Troncato, il PRIMO, ritroncato di rosso e di argento, alla lettera maiuscola M, attraversante, di azzurro; il SECONDO, scaccato d’oro e di nero, di tre tiri e di diciotto pezzi, con ornamenti esteriori da Comune”.


Martiniana Po


Martinsicuro


Martirano

“Stemma di nero all’aquila rivoltata d’oro coronata all’antica, artigliata su due vette uscenti dalla punta; il tutto d’oro. Ornamenti esteriori da Comune”

D.P.R. 10 marzo 1978


Martirano Lombardo

“Inquartato: il PRIMO, d’oro, alla sirena doppiocodata, in maestà, la parte umana di carnagione, la parte pisciforme di verde, essa sirena capelluta di nero, coronata all’antica d’oro, afferrante con entrambe le mani le due code volte all’insù; il SECONDO, di rosso, alle tre pigne, poste due, una, d’oro, rovesciate; il TERZO, di rosso, alla palma di verde, posta in banda; il QUARTO, d’argento, alla croce di otto punte, diminuita, scorciata, patente, di rosso. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. 3 ottobre 2005


Martis


Martone

D.P.C.M. 9 febbraio 1990, trascritto nei registri dell’Ufficio Araldico addì 29.02.1990, Reg.anno 1990
Pag. n.11


Marudo

“Troncato: al PRIMO, d’oro alla Madonna sostenuta dalle nubi al naturale, vestita di rosso e con velo azzurro sul capo e per le spalle, aureolata d’oro, sostenente nelle braccia il bambino Gesù di carnagione pure con aureola d’oro, le due figure in un simbolo sfolgorante d’oro e d’argento; al SECONDO, campo di cielo alle tre torri di spigolo al naturale, merlate aperte e finestrate di nero, fondate su campagna di verde. Ornamenti esteriori da comune”


Maruggio