Armoriale dei comuni per stato

/ / Armoriale dei comuni per stato

“D’azzurro a sette spighe di grano d’argento, legate di rosso, sormontate da un sole d’oro”.


La Farlède

“Di rosso, alla navetta in sbarra sormontata da un’arnia, il tutto d’oro”.


La Ferté-Macé

“D’azzurro, all’albero sradicato con tre radici d’oro, col fogliame costituito da un volo di gabbiani d’argento, accompagnato a destra da una croce patente d’oro e a sinistra da un’ancora dello stesso; al capo d’argento caricato di cinque moscature d’armellino”.


La Forêt-Fouesnant

“D’azzurro, al gallo sorante d’oro posato su una terrazza di verde”.


La Gaude


La Livinière

“D’argento, al filetto d’azzurro in fascia, accompagnato in capo dal gallo ardito di nero, bargigliato e crestato di rosso, movente dal filetto, e in punta dai tre pali d’azzurro; alla bordura composta di argento e di nero di ventotto pezzi. Ornamenti esteriori da Comune”.


La Loggia

“D’argento al leone vigilante e mirante in maestà, sopra uno scoglio uscente dal mare, il tutto al naturale. Motto: Herois cineres oras tutorque latinas”.


La Maddalena

“Troncato: nel PRIMO, di azzurro, all’aquila d’oro, allumata e linguata di rosso, con il volo abbassato, sostenuta dalla linea di partizione; nel SECONDO, d’oro, alle due losanghe, di azzurro, appuntate, con gli angoli a contatto con la linea di partizione
con i lembi dello scudo. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R.
20 febbraio 1996


La Magdeleine

“Di rosso a tre api d’oro, disposte 2 e 1, al capo d’armellino [che è di Bretagna]”.


La Meilleraye-de-Bretagne

“Troncato merlato, il primo d’argento al cervo di rosso ramato d’oro; il secondo d’azzurro a undici biglietti d’argento, ordinati 4,3 e 4, caricati ciascuno di una moscatura d’armellino di nero”.


La Mézière